• Nicole

Effetti dell'inibizione della ricaptazione della norepinefrina sulla sindrome da tachicardia pos


Settembre 2013

Articolo completo originale: http://jaha.ahajournals.org/content/2/5/e000395.long

La sindrome da tachicardia posturale (POTS) è una malattia che comprende intolleranza ortostatica cronica accompagnata da tachicardia ortostatica eccessiva. I pazienti con POTS hanno comunemente comorbidità come disturbo da deficit di attenzione e iperattività, depressione o fibromialgia che sono trattati con farmaci che inibiscono il trasportatore del reuptake della noradrenalina (NRI). I farmaci NRI possono aumentare il tono del sistema nervoso simpatico, che può aumentare la frequenza cardiaca (HR) e peggiorare i sintomi nei pazienti con POTS. Abbiamo cercato di determinare se l'NRI con atomoxetina aumenta la tachicardia in piedi o peggiora il peso dei sintomi nei pazienti con POTS.

METODI E RISULTATI: I pazienti con POTS (n = 27) sono stati sottoposti a uno studio clinico acuto con atomoxetina 40 mg e placebo in mattinate separate in un disegno incrociato randomizzato. La pressione arteriosa (BP), la FC e i sintomi sono stati valutati stando seduti e dopo essere stati in piedi prima e ogni ora per 4 ore dopo la somministrazione del farmaco in studio. L'atomoxetina ha significativamente aumentato la HR in piedi rispetto al placebo (121 ± 17 battiti al minuto contro 105 ± 15 battiti al minuto, P = 0,001) nei pazienti con POTS, con una tendenza verso una pressione sistolica più alta (P = 0,072). I punteggi dei sintomi peggiorati con atomoxetina rispetto al placebo (+4.2 au versus -3.5 au; P = 0.028) dal basale a 2 ore dopo la somministrazione del farmaco in studio.

CONCLUSIONE: L'inibizione del reuptake della norepinefrina con atomoxetina ha acutamente aumentato la frequenza cardiaca in piedi e aggravato i sintomi nei pazienti con POTS.


0 visualizzazioni
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now