• Nicole

I profili di valutazione sensoriale quantitativa nel dolore lombare cronico sono distinti da quelli


Giugno 2013

La sindrome fibromialgica è una condizione di dolore cronico clinicamente ben caratterizzata di alto impatto socio-economico. Sebbene la fisiopatologia non sia ancora chiara, vi sono prove crescenti di disfunzione del sistema nervoso nei pazienti con sindrome fibromialgica. In questo studio caso-controllo abbiamo studiato funzione e morfologia di piccole fibre nervose in 25 pazienti con sindrome fibromialgica. I pazienti sono stati sottoposti a valutazione neurologica e neurofisiologica completa. Abbiamo esaminato la funzione delle piccole fibre mediante test sensoriali quantitativi e potenziali evocati correlati al dolore e quantificato la densità delle fibre del nervo intraepidermico e rigenerando le fibre del nervo intraepidermico nelle biopsie cutanee della gamba e della coscia. I risultati sono stati confrontati con i dati di 10 pazienti con depressione monopolare senza dolore e con soggetti di controllo sani abbinati per età e sesso. L'esame neurologico e neurofisiologico standard era normale in tutti i pazienti, esclusa la polineuropatia a grandi fibre. I pazienti con sindrome fibromialgica hanno avuto punteggi più elevati nei questionari del dolore neuropatico rispetto ai pazienti con depressione e con soggetti di controllo (P <0,001 ciascuno). Rispetto ai soggetti di controllo, i pazienti con sindrome fibromialgica ma non i pazienti con depressione avevano compromesso la funzione delle piccole fibre con aumentate soglie di rilevazione del freddo e del caldo nei test sensoriali quantitativi (P <0,001). La ricerca di potenziali evocati correlati al dolore ha rivelato un aumento delle latenze N1 dopo stimolazione ai piedi (P <0,001) e ampiezze ridotte dei potenziali evocati correlati al dolore dopo stimolazione di viso, mani e piedi (P <0,001) nei pazienti con sindrome fibromialgica rispetto a pazienti con depressione e controllo dei soggetti, che indicano anomalie delle piccole fibre o delle loro afferenze centrali. Nelle biopsie cutanee totali (P <0,001) e nelle fibre nervose intraepidermiche rigeneranti (P ​​<0,01) nella parte inferiore della gamba e nella parte superiore della coscia sono state ridotte nei pazienti con sindrome fibromialgica rispetto ai soggetti di controllo. Di conseguenza, una riduzione dei fasci di fibre nervose dermali non mieliniche è stata riscontrata in campioni di pelle di pazienti con sindrome fibromialgica rispetto a pazienti con depressione e soggetti sani di controllo, mentre le fibre nervose mielinizzate sono state risparmiate. Tutti e tre i metodi utilizzati supportano il concetto di ridotta funzionalità delle fibre in pazienti con sindrome fibromialgica, che punta verso una natura neuropatica del dolore nella sindrome fibromialgica.


4 visualizzazioni
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now