• Nicole

Valutazione della sindrome da tachicardia posturale (POTS).

Aggiornato il: 5 giorni fa


Aprile 2018

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29705015

Estratto:

La valutazione diagnostica di un paziente con sospetta sindrome da tachicardia posturale (POTS) richiede un approccio diagnostico ponderato che utilizza un'accurata analisi clinica, esami clinici, di laboratorio e autonomici. Questo articolo sottolinea l'importanza di una storia approfondita nell'identificazione del meccanismo di insorgenza dei sintomi, delle caratteristiche cliniche, delle condizioni o disturbi clinici associati e dei fattori che possono causare esacerbazione dei sintomi. L'esame clinico prevede una valutazione delle risposte pupillari, una valutazione per i segni sudomotori e vasomotori e una valutazione per l'ipermobilità articolare. I test di laboratorio aiutano ad escludere i mimici della disfunzione autonomica, a riconoscere le condizioni che possono esacerbare i sintomi ea identificare le condizioni che possono causare o essere associate alla malattia del sistema nervoso autonomo. Lo scopo del test di autonomia è quello di confermare una diagnosi di POTS, escludere altre cause di intolleranza ortostatica e può fornire la caratterizzazione della POTS in sottotipi neuropatici e iperadrenergici. Altri studi diagnostici, come la biopsia dell'epidermal skin punch, il test da sforzo, gli studi radiografici, gli studi sul sonno, gli studi sulla motilità gastrointestinale e gli studi urodinamici devono essere considerati quando clinicamente appropriati.


This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now