• Nicole

difetto di idrossilazione nella sindrome da tachicardia posturale ortostatica: remissione con integr

Aggiornato il: apr 5


IL CASO:

Una donna di 37 anni ha presentato una storia di ipoglicemia reattiva, iperplasia surrenalica non classica (NCAH), osteopenia e fibromialgia. Dopo diversi mesi di palpitazioni, la sindrome della tachicardia ortostatica posturale (POTS) è stata diagnosticata mediante studi con tavola inclinata. La sua frequenza cardiaca (FC) ha raggiunto 191 bpm a 60 gradi dall'orizzontale. L'indagine ha suggerito un aumento dei livelli di adrenalina e noradrenalina in risposta alla tabella di inclinazione. Il suo livello di vitamina D 25 (OH) misurato mediante test radioimmunologico di immunoestrazione era di 35 pg / ml (normale 9-54 pg / ml) mentre il suo livello di vitamina D3 di 1,25 (OH) (2) era 24 pg / ml (normale 30-67 pg / ml). Di conseguenza, è stata iniziata con calcitriolo 0,25 mcg per via orale ogni giorno. Alla sua visita successiva, dopo 5 mesi, riferì un notevole miglioramento delle sue palpitazioni e aveva lavorato a tempo pieno negli ultimi 4 mesi. Le risorse umane in posizione seduta e verticale erano 72 bpm. Dopo 3 mesi, il suo livello di vitamina D3 di 1,25 (OH) (2) su calcitriolo era di 40 pg / ml. Gli autori suggeriscono che i difetti dell'idrossilazione 1-α dovrebbero essere ricercati e trattati, se presenti, con calcitriolo nei pazienti con POTS.

Fonte: https://casereports.bmj.com/content/2012/bcr.02.2012.5730.long

#POTS #sindromedatachicardiaortostaticaposturale #intolleranzaortostatica #disautonomia

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now