• Nicole

Aumentare l'assunzione di sale si rivela benefico nella POTS : Lo studio

Per i pazienti con sindrome da tachicardia posturale (POTS), l'assunzione di sodio con la dieta può essere aumentata in modo più sicuro, suggerisce il primo studio che fornisce solide prove a sostegno di questa strategia di trattamento.

I risultati hanno mostrato che un elevato apporto di sodio nella dieta può abbassare i livelli plasmatici di noradrenalina e migliorare la tachicardia in piedi e ortostatica per i pazienti con POTS.

"Questi risultati suggeriscono che l'aumento del sale alimentare è un buon razionale per il trattamento di questa condizione, e questo studio rassicura che stiamo facendo la cosa giusta per i pazienti POTS aumentando il loro apporto di sodio", ha detto a Medscape l'autore senior Satish R. Raj, MD.

Lo studio, con l'autore principale Emily M. Garland, PhD, è stato pubblicato online il 26 aprile sul Journal of the American College of Cardiology.

Raj, che è professore di scienze cardiache presso la Cumming School of Medicine dell'Università di Calgary, Alberta, Canada, ha spiegato che la POTS include uno spettro di disturbi che colpiscono il sistema nervoso autonomo, che regola la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

"È un disturbo dell'intolleranza ortostatica: i pazienti si sentono meglio quando si sdraiano. Si differenzia dall'ipotensione ortostatica in quanto quando un paziente POTS si alza in piedi, la pressione sanguigna non scende necessariamente, ma la frequenza cardiaca aumenta eccessivamente".

Sebbene sia normale che la frequenza cardiaca aumenti leggermente stando in piedi, tra i pazienti con POTS, la frequenza cardiaca aumenta eccessivamente. La condizione è definita come un aumento della frequenza cardiaca ortostatica di almeno 30 battiti / min (o 40 battiti / min tra gli individui di età compresa tra 12 e 19 anni) in assenza di ipotensione ortostatica.

Il disturbo è caratterizzato da una serie di sintomi, tra cui stordimento, mancanza di respiro, palpitazioni e intolleranza allo sforzo, che sono peggiori quando si è in posizione eretta. I pazienti sperimentano anche stanchezza cronica e deterioramento cognitivo percepito, ha osservato Raj.




La fascia demografica tipica per POTS sono le giovani donne; la condizione spesso inizia durante l'adolescenza.

I pazienti hanno spesso un volume sanguigno basso, quindi un approccio al trattamento consiste nell'aumentare l'assunzione di sale e acqua in modo da aumentare il volume sanguigno.

"Questo è uno dei pilastri del trattamento, ma non è mai stato studiato adeguatamente", ha commentato Raj. Aumentare l'assunzione di sale "è un messaggio insolito da un cardiologo, e ci sono state preoccupazioni sul fatto che stiamo formulando raccomandazioni contro i consigli tradizionali, quindi avevamo urgentemente bisogno di prove a sostegno di questa raccomandazione".

L'attuale studio crossover ha arruolato 14 pazienti con POTS e 13 soggetti sani di controllo che per un periodo di 6 giorni sono stati sottoposti a trattamento con una dieta a basso contenuto di sodio (10 mEq di sodio al giorno) o una dieta ad alto contenuto di sodio (300 mEq di sodio al giorno).

Sono stati misurati la frequenza cardiaca in posizione supina e in piedi, la pressione sanguigna, il livello sierico di aldosterone, l'attività della renina plasmatica, il volume sanguigno e i livelli plasmatici di noradrenalina e adrenalina.

I risultati hanno mostrato che tra i pazienti POTS, la dieta ad alto contenuto di sodio ha ridotto la frequenza cardiaca in posizione eretta e il cambiamento della frequenza cardiaca in piedi rispetto alla dieta a basso contenuto di sodio.

La frequenza cardiaca è aumentata di 46 battiti / min con la dieta ad alto contenuto di sodio, rispetto a 60 battiti / min con la dieta a basso contenuto di sodio.

Il volume totale del sangue e il volume del plasma sono aumentati e i livelli di noradrenalina in piedi sono diminuiti con la dieta ad alto contenuto di sodio rispetto alla dieta a basso contenuto di sodio.

Tuttavia, la frequenza cardiaca in posizione eretta, la variazione della frequenza cardiaca e i livelli di noradrenalina in posizione eretta sono rimasti più alti tra i pazienti POTS rispetto alle persone di controllo che ricevevano la dieta ricca di sodio.

C'è stata una tendenza non significativa per un punteggio inferiore del carico di sintomi tra i pazienti POTS che hanno ricevuto la dieta ad alto contenuto di sodio rispetto a quelli che assumevano la dieta a basso contenuto di sodio. Punteggi per confusione mentale, palpitazioni, vertigini e mal di testa che tendono al ribasso con la dieta ricca di sodio.

"Abbiamo scoperto che alti livelli di sale alimentare hanno fatto quello che speravamo, con un aumento del volume del sangue e una riduzione dei livelli di noradrenalina in piedi e un ridotto aumento eccessivo della frequenza cardiaca. Anche se non ha normalizzato completamente la frequenza cardiaca, questo è stato ridotto in modo significativo", ha detto Raj .

Un'altra osservazione dello studio è stata che l'aumento dell'assunzione di sale sembrava essere benefico per l'intero spettro di pazienti.

"Ci sono alcuni pazienti che hanno livelli molto alti di attivazione simpatica, e ci sono state segnalazioni aneddotiche che l'aumento del sale potrebbe non funzionare così bene in questo gruppo", ha detto. "In questo studio, non abbiamo differenziato, ma i livelli medi di noradrenalina erano molto alti e molti pazienti sarebbero stati considerati iperadrenergici. I nostri risultati suggeriscono che questo trattamento aiuterà anche questi pazienti".

Ha notato che l'assunzione di sodio è stata aumentata in questo studio solo attraverso la dieta. "Avevamo una cucina metabolica speciale. Nella pratica clinica, consigliamo ai pazienti di aggiungere regolarmente sale da cucina al loro cibo, e usiamo solo compresse di sale quando non possono tollerare così tanto sale nella loro dieta".

Riconoscendo che potrebbero esserci preoccupazioni per l'ipertensione con l'uso a lungo termine di tale trattamento, Raj ha detto che non c'erano segni di un aumento della pressione sanguigna in questo studio. "Ma questa dovrebbe essere considerata una terapia a breve termine per il momento, ei pazienti devono essere rivalutati ogni pochi anni man mano che la loro fisiologia cambia", ha detto.

Gli autori stimano che POTS colpisce fino all'1% della popolazione. Poiché al momento non esiste un codice diagnostico per la condizione, tutti i dati sull'incidenza sono stime.

Raj sottolinea che potenzialmente molte persone sono colpite, ma c'è poco riconoscimento della condizione tra pazienti e medici.

"Molti medici di famiglia non sono a conoscenza delle POTS", ha osservato. "I pazienti spesso devono ricercare i propri sintomi da soli e informare il proprio medico della condizione. Molti pazienti aspettano anni e spesso vedono molti medici diversi prima di ottenere una diagnosi corretta".

Ha spiegato che ai pazienti con POTS viene spesso diagnosticata una malattia psichiatrica. "Sono principalmente giovani donne con palpitazioni, battito cardiaco, tremore, che è spesso etichettato come ansia", ha detto.

Raj esorta i medici a considerare la POTS se i pazienti hanno sintomi che peggiorano quando ci si alza in piedi. La diagnosi è confermata se la loro pressione sanguigna non scende quando ci si alza in piedi ma la loro frequenza cardiaca aumenta di almeno 30 battiti / min.

Un numero non sufficiente di specialisti tratta questa condizione, quindi i medici di famiglia devono essere in grado di diagnosticare e iniziare il trattamento. Se è necessario un trattamento più aggressivo, i pazienti possono essere indirizzati a uno specialista.

"Uno dei problemi è che questa condizione copre diverse specialità mediche. Nessun campo lo possiede, quindi tende a essere ignorato. Ma ci sono medici interessati alla POTS e la chiave è trovarne uno.

"Abbiamo finalmente stabilito che questa dieta ad alto contenuto di sodio funziona come trattamento per la POTS", ha concluso. "Lo stiamo usando da un po 'di tempo, ma ora abbiamo prove per il suo utilizzo in tutto lo spettro di pazienti".

In un editoriale di accompagnamento, Blair P. Grubb, MD, University of Toledo Medical Center, Toledo, Ohio, afferma che questo "superbo studio di Garland et al aiuta a stabilire meglio la nostra comprensione del processo fisiopatologico che si svolge nella POTS fornendo allo stesso tempo buone prove per l'aumento del sodio alimentare come uno dei capisaldi del trattamento ".

Aggiunge che il campo ha bisogno di più studi di questo tipo "nella nostra ricerca per comprendere meglio la POTS e per elaborare modalità terapeutiche per aiutare coloro che soffrono di questa malattia debilitante".

Lo studio è stato sostenuto in parte dal National Heart, Lung, and Blood Institute, dal National Center for Advancing Translational Sciences e dal Vanderbilt Hormone and Analytical Services Core. Raj ha lavorato come consulente per Lundbeck NA Ltd e Theravance; è stato presidente del comitato di monitoraggio e sicurezza dei dati per Arena Pharmaceuticals e investigatore della rete Cardiac Aritmia Network of Canada; e ha fatto parte del comitato consultivo medico di Dysautonomia International e PoTS UK, entrambi senza compenso finanziario.


Tradotto da : Increasing Salt Intake Proves Beneficial in POTS - Medscape - Apr 26, 2021.

https://www.medscape.com/viewarticle/949982?fbclid=IwAR0m8LES8piOeDIQT7viJOcVNWtUkvg0lKD2mJj8bQ1IQ-CJr10Wn6SGZsk#vp_1



J Am Coll Cardiol. Published online April 26, 2021

https://www.jacc.org/doi/10.1016/j.jacc.2021.03.005



134 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti