• Nicole

Aumento delle fibre peptidergiche come potenziale marker cutaneo del dolore nella NPF diabetica

Fonte del seguente articolo: PHARMASTAR.IT


Polineuropatia diabetica, il dolore potrebbe essere spiegato dall'aumento delle fibre nervose


Un lavoro che ha coinvolto ricercatori italiani dell'Irccs Maugeri di Telese Terme (Benevento) in collaborazione con l'università Federico II di Napoli e della Aarhus University e pubblicato su Pain ha per la prima volta osservato un aumento delle fibre nervose associate al dolore in pazienti diabetici con polineuropatia. Questo importante risultato potrà avere in futuro una valenza diagnostica come marker cutaneo diventando una firma morfologica del dolore e della sua intensità in questi pazienti.


Un lavoro che ha coinvolto ricercatori italiani dell'Irccs Maugeri di Telese Terme (Benevento) in collaborazione con l'università Federico II di Napoli e della Aarhus University e pubblicato su Pain ha per la prima volta osservato un aumento delle fibre nervose associate al dolore in pazienti diabetici con polineuropatia. Questo importante risultato potrà avere in futuro una valenza diagnostica come marker cutaneo diventando una firma morfologica del dolore e della sua intensità in questi pazienti.


La polineuropatia diabetica (DPN) è la complicanza microvascolare più comune nei pazienti diabetici con una prevalenza una tantum fino al 50%.

Inoltre, la DPN è nel 30% al 40% dei casi accompagnata da dolore neuropatico agli arti, piedi e gambe, una condizione denominata DPN dolorosa.


I sintomi sensoriali nella neuropatia possono essere attribuiti a un'affezione delle piccole fibre che causa una neuropatia delle piccole fibre (SFN), oppure delle grandi fibre, chiamata neuropatia delle grandi fibre, o una miscela di piccole e grandi fibre, denominate neuropatia delle fibre nervose miste.


I meccanismi alla base dello sviluppo e del mantenimento della DPN dolorosa sono in gran parte sconosciuti e la quantificazione della densità delle fibre nervose intraepidermiche dalla biopsia cutanea, uno dei gold standard neuropatologici nella diagnosi della DPN, non fa differenza tra pazienti con e senza dolore.


L'identificazione di possibili biomarcatori fisiopatologici del dolore in pazienti con DPN dolorosa può aumentare la conoscenza dei meccanismi alla base del dolore neuropatico.

I modelli animali di DPN dolorosa hanno dimostrato di avere una maggiore densità di fibre nervose peptidergiche (sostanza P e peptide correlato al gene della calcitonina).


In questo studio, i ricercatori hanno eseguito un'analisi bioptica cutanea dettagliata in un gruppo ben caratterizzato di pazienti con DPN con coinvolgimento principalmente di piccole fibre, con e senza dolore, e in controlli sani per la correlazione tra risultati della biopsia cutanea e intensità del dolore e test sensoriali quantitativi.


I ricercatori hanno scoperto che sebbene non vi fosse alcuna differenza nella densità delle fibre nervose intraepidermiche utilizzando il prodotto del gene proteico 9.5 tra i pazienti con e senza dolore, i pazienti con dolore avevano una maggiore densità delle fibre peptidergiche dermiche contenenti la sostanza P e il peptide correlato al gene della calcitonina rispetto ai pazienti con DPN indolore e controlli sani.


La densità delle fibre nervose peptidergiche era correlata con le valutazioni del dolore nei pazienti con dolore (R=0,33; p=0,019), ma non con i risultati dei test sensoriali quantitativi.


In questo articolo gli autori hanno mostrato per la prima volta negli esseri umani, una maggiore densità di fibre peptidergiche dermiche nella DPN dolorosa come a firma morfologica del dolore alla pelle. Inoltre, i risultati mostrano una correlazione significativa tra la densità delle fibre peptidergiche e i punteggi di dolore.


Gli autori hanno precisato che non è stata trovata alcuna differenza nella densità delle fibre nervose intraepidermiche tra pazienti con e senza dolore, ma i pazienti con dolore avevano una maggiore densità delle fibre peptidergiche dermiche che trasmettono il dolore e possono essere identificate nelle biopsie della cute tramite dei neuropeptidi in esse contenuti.


Questi risultati forniscono nuove informazioni sui meccanismi fisiopatologici del dolore nel diabete e aprono la ricerca verso nuovi bersagli terapeutici.





RIASSUNTO DELLO STUDIO:

La polineuropatia diabetica (DPN) è una complicanza comune del diabete ed è spesso associata a dolore neuropatico. I meccanismi alla base dello sviluppo e del mantenimento della DPN dolorosa sono in gran parte sconosciuti e la quantificazione della densità delle fibre nervose intraepidermiche dalla biopsia cutanea, uno dei gold standard neuropatologici nella diagnosi della DPN, non fa differenza tra pazienti con e senza dolore. L'identificazione di possibili biomarcatori fisiopatologici del dolore in pazienti con DPN dolorosa può aumentare la nostra conoscenza dei meccanismi alla base del dolore neuropatico. I modelli animali di DPN dolorosa hanno dimostrato di avere una maggiore densità di fibre nervose peptidergiche (sostanza P e peptide correlato al gene della calcitonina). In questo studio, abbiamo eseguito un'analisi bioptica cutanea dettagliata in un gruppo ben caratterizzato di pazienti con DPN con coinvolgimento principalmente di piccole fibre, con e senza dolore, e in controlli sani e test per la correlazione tra risultati della biopsia cutanea e intensità del dolore e test sensoriali quantitativi . Abbiamo scoperto che sebbene non vi fosse alcuna differenza nella densità delle fibre nervose intraepidermiche utilizzando il prodotto del gene proteico 9.5 tra pazienti con e senza dolore, i pazienti con dolore avevano una maggiore densità delle fibre peptidergiche dermiche contenenti la sostanza P e il peptide correlato al gene della calcitonina rispetto ai pazienti con DPN indolore e controlli sani. La densità delle fibre nervose peptidergiche era correlata con le valutazioni del dolore nei pazienti con dolore (R = 0,33; P = 0,019), ma non con i risultati dei test sensoriali quantitativi. In questo articolo, mostriamo, per la prima volta negli esseri umani, una maggiore densità di fibre peptidergiche dermiche nella DPN dolorosa. Questi risultati forniscono nuove informazioni sui meccanismi fisiopatologici del dolore nel diabete e aprono la ricerca verso nuovi bersagli terapeutici.


I pazienti con polineuropatia diabetica dolorosa e neuropatia delle piccole fibre hanno un aumento delle fibre nervose peptidergiche dermiche rispetto ai pazienti con polineuropatia diabetica senza dolore neuropatico.


Fonte studio:

Karlsson, Palla,b; Provitera, Vincenzo,*; Caporaso, Giuseppe; Stancanelli, Annamaria; Saltalamacchia, Anna Maria; Borreca, Ilaria; Manganelli, Fiore; Santoro, Lucio; Jensen, Troels Staehelina; Nolano, Maria.

"dIncreased peptidergic fibers as a potential cutaneous marker of pain in diabetic small fiber neuropathy"

PAIN: March 2021 - Volume 162 - Issue 3 - p 778-786 doi: 10.1097/j.pain.0000000000002054

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now