• Nicole

L'uso cronico di cannabis non porta ad una maggiore sensibilità al dolore (a diff.degli oppioidi)


Articolo originale di www.forbes.com , Sep 14, 2020

Traduzione di NPF e POTS Italia


La cannabis potrebbe essere un'alternativa più attraente per alleviare il dolore cronico? Un nuovo studio suggerisce che la cannabis, a differenza degli oppioidi, non porta a una maggiore sensibilità al dolore nel tempo.

Questa importante scoperta potrebbe aiutare a informare meglio medici e pazienti che stanno valutando se la cannabis o gli oppioidi siano la scelta giusta per trattare il loro dolore cronico.

Lo studio è stato condotto da Michelle St. Pierre, una studentessa di dottorato dell'Università della British Columbia, Okanagan, che ha notato che nessuno aveva indagato se l'uso cronico di cannabis porta ad una maggiore sensibilità al dolore (chiamata anche iperalgesia) nel tempo. "Negli ultimi anni si è assistito a un aumento dell'adozione di farmaci cannabinoidi, che hanno dimostrato efficacia per il trattamento del dolore cronico", ha spiegato St. Pierre in una recente intervista a Science Daily. (QUI)

La gestione del dolore cronico è una sfida difficile per pazienti e medici. I farmaci oppioidi, sebbene comuni ed efficaci per alleviare il dolore immediato, hanno creato un'epidemia con gravi rischi di dipendenza e sovradosaggio. E questi farmaci, sebbene altamente prescritti, possono effettivamente aumentare la sensibilità del paziente al dolore nel tempo.

St. Pierre afferma che, poiché "la cannabis e gli oppioidi condividono alcuni degli stessi percorsi di sollievo dal dolore e sono stati entrambi associati ad aumenti della sensibilità al dolore in seguito all'uso acuto", ha ipotizzato che la cannabis avrebbe agito in modo simile agli oppioidi anche sotto questo aspetto, e che il consumo regolare di cannabis produrrebbe anche una maggiore sensibilità al dolore.

Ma i risultati hanno raccontato una storia diversa. Contrariamente alle aspettative, i consumatori regolari di cannabis non hanno mostrato una maggiore sensibilità al dolore. I ricercatori hanno eseguito un task test a freddo su entrambi i partecipanti che non hanno usato cannabis e su quelli che la usano almeno 3 volte a settimana. In questo tipo di test, la mano e l'avambraccio di un partecipante vengono immersi in acqua ghiacciata e le loro risposte al dolore vengono registrate. È lo stesso tipo di esperimento utilizzato per determinare che l'uso di oppioidi porta a una maggiore sensibilità al dolore nel tempo.

Questo esperimento ha avuto risultati più positivi per i consumatori di cannabis, che non hanno mostrato segni di una maggiore risposta al dolore rispetto a coloro che non hanno usato cannabis. "C'è un effetto diverso dai consumatori di oppioidi" ha spiegato St. Pierre. "Questa è una distinzione importante che gli operatori sanitari ei pazienti dovrebbero considerare quando scelgono le opzioni per la gestione del dolore. Questi risultati sono particolarmente rilevanti alla luce delle recenti segnalazioni tassi di dolore nella popolazione, poiché suggerisce che la cannabis potrebbe non comportare lo stesso rischio di iperalgesia degli oppioidi ".

Gli oppioidi, che hanno dimostrato di produrre questa maggiore sensibilità al dolore con l'uso cronico, sono altamente prescritti per il dolore negli Stati Uniti nonostante una reputazione pericolosa. Il CDC riporta che ci sono 51,4 prescrizioni per ogni 100 persone nel paese, con oltre 168 milioni di prescrizioni totali. Nell'11% di tutte le contee degli Stati Uniti, la situazione è anche peggiore, con prescrizioni di oppioidi sufficienti per tutti nella contea per averne una.

Ma trattare il dolore con gli oppioidi non è sempre così semplice come sembra. Sebbene altamente efficaci nel trattamento del dolore acuto, gli oppioidi possono portare a grave dipendenza. Poiché i pazienti li usano regolarmente, sviluppano una tolleranza all'effetto e una maggiore sensibilità al dolore. Questo li porta a richiedere sempre più farmaci per ottenere sollievo, il tutto mentre soffrono di dolore crescente. Alla fine, potrebbero dover assumere livelli pericolosi del farmaco per tenere il passo con il loro dolore, che spesso è molto peggio di quando hanno iniziato. Questo può portare ad abuso del farmaco.

E per coloro che assumono quantità elevate di farmaci oppioidi, la morte per overdose è una possibilità incredibilmente reale. Nel 2018, una media di 41 persone sono morte ogni giorno per overdose di oppioidi soggetti a prescrizione, provocando quasi 15.000 decessi.

La cannabis, a volte, è stata annunciata come una droga con il potenziale per ridurre i danni della crisi degli oppioidi. Uno studio del 2014 ha suggerito che le morti per overdose da oppiacei diminuiscono di circa il 25% negli stati che hanno recentemente legalizzato la cannabis. Sebbene gli studi di follow-up siano stati meno conclusivi su questa connessione, lo studio ha raggiunto il picco di interesse per la cannabis come alternativa agli oppioidi.

Dopo tutto, molti consumatori di cannabis segnalano il sollievo dal dolore come motivo principale per cui usano il farmaco. Studi sul motivo per cui i pazienti usano la cannabis in medicina hanno scoperto che ben il 97% dei consumatori di cannabis medica la usa per il dolore. I pazienti riferiscono anche che è efficace. Uno studio basato su un sondaggio della UC Berkeley ha rilevato che l'81% dei pazienti ha riferito che la cannabis da sola era effettivamente più efficace nell'alleviare il dolore rispetto all'uso di oppioidi.

Il sollievo dal dolore è anche uno degli usi della cannabis più scientificamente supportati. In una revisione del 2017 della letteratura sulla cannabis da parte delle National Academies of Science and Engineering, i ricercatori hanno trovato prove sostanziali che la cannabis è un trattamento efficace per il dolore cronico degli adulti. I ricercatori dell'Università di Harvard hanno anche esaminato la letteratura sulla cannabis nel 2017 e hanno riferito di aver trovato modeste prove da studi clinici che la cannabis potrebbe essere efficace per alleviare il dolore.

Per aggiungere a questo, alcuni studi suggeriscono che la cannabis può aiutare a ridurre l'uso di oppioidi quando i due vengono usati insieme. In uno studio, i ricercatori hanno riscontrato una riduzione del 64% nell'uso di oppioidi quando la cannabis faceva anche parte del regime di dolore dei pazienti, con altri benefici come una migliore qualità della vita e meno effetti collaterali negativi.

Anche i medici sul campo segnalano il successo con i trattamenti a base di cannabis. La dottoressa Jada Reese-Sheriff MD, un medico di gestione del dolore in Georgia, dice che tratta i pazienti con dolore sottoposti a chemioterapia che a volte non vanno bene con gli oppioidi. Dice che dopo aver dedicato del tempo alla ricerca e alla comprensione della cannabis, afferma di essere stata in grado di realizzare "i benefici della pianta di cannabis e quindi di applicarli effettivamente per aiutare le persone e ridurre gli oppioidi". Dice di aver ottenuto risultati positivi riducendo l'uso di oppioidi da parte dei suoi pazienti suggerendo di usare il CBD, un cannabinoide non psicoattivo presente nella cannabis. Dice che una volta che iniziano a usare il CBD in combinazione con il loro trattamento con oppioidi, è "in grado di diminuire alcuni dei loro requisiti per gli oppioidi. "

Per quei medici e pazienti che cercano di decidere se andare avanti con la cannabis, gli oppioidi o entrambi, questo studio più recente sulla sensibilità al dolore può fornire più incentivi a esplorare la cannabis. Gli autori dello studio concludono affermando che "questa scoperta dovrebbe aiutare a informare le valutazioni dei relativi danni e benefici delle terapie analgesiche a base di cannabis".


Studio: https://www.ingentaconnect.com/content/wk/cjpn/2020/00000036/00000008/art00004

Epidemia oppioidi e overdose: https://www.cdc.gov/drugoverdose/epidemic/index.html

https://www.cdc.gov/drugoverdose/data/prescribing/overdose-death-maps.html

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/0885392494902038

https://www.cdc.gov/drugoverdose/data/prescribing/overdose-death-maps.html



Incremento dolore con oppioidi: https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1300/J069v26S01_07?casa_token=dHpBpz6d1TAAAAAA%3AZSBNhgLRQoCeTQ3sa7JQNu1PrAMrPuZU2XG7AbbmGPNOMNx_cWw4M6ckyIdBD9jNpWYJhMGo9x66sA&


Medical cannabis laws and opioid analgesic overdose mortality in the United States, 1999-2010: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25154332/


Therapeutic Benefits of Cannabis: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3998228/


Medical Cannabis Use Is Associated With Decreased Opiate Medication (64%): https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1526590016005678





This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now