• Nicole

La NPF disimmune emerge come nuova malattia trattabile - Intervista Dr. Oaklander -Aprile 2021

Pubblichiamo gli stralci più significativi della recente intervista, rilasciata dalla dottoressa Anne Louise Oaklander alla rivista “Rare neurological disease special report – Aprile 2021- supplemento di “Neurology Rewiews”, integrandola con i link agli gli studi citati, presenti nella sezione “letteratura” del nostro sito.


NEUROPATIA DISIMMUNE DELLE PICCOLE FIBRE EMERGE COME NUOVA MALATTIA TRATTABILE

"Recenti sostanziali progressi nella comprensione della NPF neuropatia delle piccole fibre (small-fiber peripheral polyneuropathies SFN in inglese ) includono l'identificazione di un sottotipo che sembra avere una base autoimmune."

Inizia così l'intevista alla Dottoressa, che conferma ciò che abbiamo letto nei suoi studi degli ultimi anni.

Continua:


"Sebbene non ancora nei libri di testo di medicina,la prova di una forma autoreattiva de novo della NPF è forte.

Non da ultimo, c'è stato un sostanziale beneficio dall'immunoterapia in un piccolo studio terapeutico proof-of-concept di pazienti che soddisfacevano i criteri per questa condizione."

(Studio qui -IVIg per polineuropatia autoimmune delle piccole fibre: 1°analisi di efficacia e sicurezza )


"Nel 16% dei pazienti, la remissione è stata mantenuta dopo l'interruzione del trattamento.

Una percentuale sostanziale - da qualche parte tra un terzo e la metà delle persone che ricevono etichette di condizioni caratterizzate da dolore cronico idiopatico - può, infatti, avere una malattia medica potenzialmente curabile.

Sebbene esista un elenco considerevole di cause genetiche della NPF (ad esempio, malattia di Fabry e sindrome di Riley-Day), tutte sono relativamente rare sia negli adulti che nei bambini.

Al contrario, il sottotipo autoimmune di NPF sembra essere una delle principali fonti di sintomi neuropatici altrimenti inspiegabili nei bambini e nei giovani adulti.

Un primo indizio sulla base autoimmune di alcuni casi di NPF è stato uno studio su 41 pazienti consecutivi con dolore cronico insorgenza o inspiegabile prima dei 21 anni di età. Sulla base di biopsia cutanea, biopsia nervosa e test di funzionalità autonomica, una diagnosi definitiva di NPF potrebbe essere fatta nel 59% e una diagnosi probabile nel 7%. Nessuno dei pazienti è risultato positivo per una causa genetica. Solo uno aveva un normale test per NPF.

Sebbene solo il 33% di questi pazienti abbia una storia di patologie autoimmuni, l'89% possiede marcatori sierologici di disfunzione immune.

A prova del sospetto di una causa autoimmune, l'89% dei pazienti è migliorato con corticosteroidi, immunoglobuline intravenose (IVIG) o con combinazione di queste terapie.

Lo studio è piccolo, ma ha contribuito a stabilire la comprensione che le terapie mirate alla funzione immunitaria sovraregolata possono migliorare i sintomi se usate in modo appropriato e che la NPF autoreattiva può avere esordio nell'infanzia."

LA NPF potrebbe non essere affatto rara, fa intendere la sdottoressa. Il grosso problema è la mancata diagnosi della maggioranza dei pazienti.

"Poichè i test diagnostici non sono di routine, l'epidemiologia della NPF rimane largamente sconosciuta, e molti pazienti non ricevono diagnosi.

Uno studio condotto diversi anni fa in Olanda ha fornito comunque un punto di partenza."

(Studio qui-Incidenza e prevalenza della neuropatia delle piccole fibre-Un sondaggio nei Paesi Bassi )


"I numeri estrapolati da questo studio suggeriscono una prevalenza globale di 4 milioni. Questo numero è probabilmente sottostimato.Per essere conteggiato in quello studio, era necessaria una diagnosi oggettiva verificata da un medico, ma pensiamo che forse il 90% delle persone con NPF non abbia mai nemmeno visto un neurologo.

Se tale stima è accurata, la prevalenza globale aumenta di un fattore di 10. Tuttavia, anche questo potrebbe essere un sottovalutazione: in una recente meta-analisi, è stato stimato che quasi la metà dei casi di fibromialgia, che ha una prevalenza di 2 % - 5% nella popolazione generale, coinvolge la NPF.

Se è vero, ora stiamo parlando di centinaia di milioni.

Tutti questi numeri sono però speculativi,la verità è che non ne abbiamo idea.

La presentazione più classica della NPF comprende dolore o prurito inspiegabile, o entrambi, ai piedi, a volte associati a rossore e gonfiore. Nel 25% dei casi, i sintomi hanno origine in altre parti del corpo.

Indipendentemente da ciò, l'esordio può essere rapido o lento. Quando il processo è disimmune, la storia medica non mostra diabete o esposizione a chemioterapia o altre tossine."


"L'elevata prevalenza di disturbi somatici, che accompagnava il dolore in tutti i pazienti tranne uno,in uno studio sul dolore inspiegabile, è un'osservazione importante per caratterizzare la NPF autoimmune. Queste lamentele includevano fatica cronica (83%), sintomi gastrointestinali (82%), mal di testa (63%) e sintomi urologici (34%).

Una sintomatologia eterogenea è caratteristica della NPF, è coerente con la fisiopatologia che sembra guidata dall'infiammazione neurogena e dalla microvasculopatia - entrambi possono contribuire alla segnalazione localizzata del dolore mentre partecipano a patologie che si estendono ad altri sistemi di organi.

In particolare, la restrizione del flusso sanguigno associata a microvasculopatia neuropatica, è implicata in una serie di sintomi frequenti nei pazienti con NPF, che vanno dalla “fatigue” ai disturbi cognitivi."

(Studio qui-Progressi scientifici e approcci clinici alla NPF-Revisione)

Nella revisione del suo articolo la dottoressa ha discusso di come la disregolazione neuropatica del sistema vascolare enterico potrebbe guidare i sintomi gastrointestinali, come dismotilità e nausea, che sono spesso parti della NPF.

La dottoressa parla poi degli strumenti diagnostici :


"Per il clinico, migliori metodologie per la diagnosi oggettiva della NPF stanno fornendo un percorso verso il trattamento. Una biopsia cutanea della parte inferiore della gamba, approvata dalla società dei nervi periferici e dall'accademia europea di neurologia, consente di misurare le densità dei neuriti epidermici. Secondo DR, una densità inferiore al quinto percentile di distribuzione normale conferma una diagnosi quando i sintomi sono coerenti con NPF. A causa della possibilità di perdere la diagnosi quando un laboratorio utilizza norme inadeguate, i campioni bioptici devono essere inviati a un laboratorio accreditato. "

(Studio qui-Linee guida sull'uso della biopsia cutanea nella diagnosi di NPF)


"Nel frattempo, molti istituti di ricerca,stanno perseguendo strategie meno invasive, come i questionari e la microscopia confocale corneale, con l'obiettivo di identificare metodi più semplici, più economici e più ampiamente accessibili per confermare la NPF".

Sebbene la dottoressa ha definito le biopsie cutanee la migliore opzione attuale per diagnosticare la NPF nei bambini, ha espresso la speranza che tecniche di screening più semplici aumenteranno il riconoscimento dei casi.

con gli attuali strumenti diagnostici, la dottoressa e altri specialisti stimano che attualmente una causa medica sia stabilita in circa la metà di tutti i pazienti con NPF.

Questo dovrebbe aumentare con una maggiore disponibilità di test genetici e di altro tipo.

Il trattamento mirato al sistema immunitario:


"Per i casi di NPF collegata ad altre malattie (per esempio diabete, infezioni,Sindrome di Sjogren, altre autoimmune associate a NPF) il trattamento della malattia sottostante dovrebbe essere ottimizzato.

Per molte cause genetiche collegate alla npf, trattamenti sono disponibili,anche se sono spesso costosi e hanno prove limitate di sicurezza ed efficacia, in particolare nei bambini.

Per i pazienti in cui si sospetta una causa autoimmune della npf,c'è evidenza di beneficio con l'immunoterapia da circa 20 squadre ed è tutto incoraggiante."

Nello studio di trattamento proof-of-concept descritto sopra, 55 pazienti con sfn, da 6 a 85 anni di età, sono stati arruolati e valutati sistematicamente per la loro risposta a IVIG. La NPF è stata confermato dalla biopsia nel 60%.

A supporto della diagnosi sono stati impiegati anche test funzionali autonomici anormali, inclusa la produzione di sudore del test quantitativo sudomotorio, che era anormale nel 69% dei pazienti. Gli esiti compositi co-primari erano il cambiamento nell'AFT e la gravità del dolore.

Dopo una media di 28 mesi su IVIG, AFTS interpretato come NPF è stato ridotto dall'89% al 55%, la gravità del dolore è scesa da un punteggio medio di 6,2 a 1,7.

Oltre al 16% dei pazienti che sono entrati in remissione sostenuta dopo la sospensione dell'IVIG, il 74% si è giudicato "migliorato".

Circa la stessa percentuale è stata etichettata come "responder" dai neurologi investigativi.

La dottoressa ha notato uno studio randomizzato in corso di immunoterapia in sospetta NPF autoimmune nei Paesi Bassi, risultati come non pubblicati. Spera che ampi studi aumentino la consapevolezza della NPF come potenziale diagnosi nei molti pazienti che hanno dolore cronico o sintomi disautonomici di origine sconosciuta.

Importantissimo diagnosticare più precocemente possibile nei pazienti giovani:


"La NPF potrebbe non essere così rara come si pensava una volta, ma queste neuropatie non sono ben riconosciute al di fuori dei centri di riferimento specializzati e le loro cause e la risposta alla terapia rimangono caratterizzate in modo incompleto.

I bambini sono al centro dell'attenzione perché questa è una malattia potenzialmente curabile che, se non trattata, porta a sequele lungo termine, inoltre, i bambini con NPF spesso hanno condizioni potenzialmente confondenti come il diabete e il cancro.

L'evidenza suggerisce che in bambini e giovani adulti altrimenti sani che sviluppano NPF, l'autoreattività mediata dalle cellule B è più prevalente delle cause genetiche mendeliane e questo può sviluppare una malattia cronica che persiste nell'età adulta".

"Sulla base della crescente evidenza che la NPFè spesso una condizione curabile, considera la diagnosi e il trattamento nei bambini una questione "urgente".

Lo sforzo per identificare la NPF nei bambini richiederà che i medici che devono confrontarsi con una serie complessa di sintomi di causa sconosciuta riorientino la loro valutazione e diagnosi. La strategia clinica applicata a molti di questi pazienti è stata la palliazione dei sintomi individuali, come il dolore, senza una diagnosi di fondo.

Senza affrontare la causa sottostante, il decorso clinico può essere frustrante per medico e paziente.

Una maggiore consapevolezza della NPF e delle opportunità di diagnosi e trattamento può essere significativa per i pazienti che hanno questa condizione."

"Sappiamo che ci sono molti pazienti là fuori che cercano risposte.

Solo una percentuale potrebbe avere NPF, ma se possiamo istruire meglio i medici e il pubblico potremmo essere in grado di diagnosticare e trattare più persone che hanno questa neuropatia".


Estratti dell'articolo di:



https://www.frontlinemedcom.com/brands-posts/neurology-reviews/






Tradotto da NPF e POTS Italia - Grazie a Sara Ribaudo per la segnalazione.





154 visualizzazioni0 commenti