• Nicole

"Sirim"(Dolore "freddo") come sintomo comune nei pazienti coreani con sospetto clinico di NPF

#NPF #ITALIA #NEUROPATIADELLEPICCOLEFIBRE #DOLORECRONICO #DOLOREFREDDO #CAUSE


ESTRATTO


Contesto e scopo

La diagnosi di neuropatia delle piccole fibre (SFN in inglese, NPF in italiano) è difficile perché non esiste un test standard e pochi test diagnostici. Questo studio ha studiato il profilo dei sintomi clinici e le sue associazioni con i risultati del test quantitativo sensoriale (QST) e del test quantitativo di riflesso degli assoni sudomotori (QSART) nonché della qualità della vita (QOL) in pazienti con SFN clinicamente sospetta.


metodi

Questo studio ha coinvolto 63 pazienti con SFN clinicamente sospetta dipendente dalla lunghezza. Le valutazioni sono state condotte utilizzando QST, QSART, questionario sull'inventario dei sintomi SFN, l'inventario dei sintomi del dolore neuropatico, la frequenza "Sirim" e la gravità del dolore "Sirim" (freddo) e un'indagine sulla salute a forma breve di 36 elementi. Sono state eseguite analisi multiple di logistica e regressione lineare per prevedere i fattori di rischio per le anomalie QST o QSART e QOL, rispettivamente.


risultati

Il dolore "Sirim" era il disturbo più comune (84%) e il più grave (punteggio medio di 6,3 su una scala di valutazione numerica compresa tra 0 e 10) nei pazienti con SFN clinicamente sospetta. I risultati di QST [soglia di rilevazione del freddo (CDT)] e QSART erano anormali nel 71% (n = 45/57) e nel 62% (n = 39/56) dei pazienti, rispettivamente. Un CDT anormale è stato correlato con dolore lancinante più grave (odds ratio = 2,23, IC 95% = 1,02–4,87, p = 0,045). I sintomi delle gambe senza riposo (β = −7,077) e il dolore evocato dalla pressione (β = −5,034) erano predittori indipendenti degli aspetti fisici della QOL.


conclusioni

Il dolore "Sirim", simile al dolore freddo, dovrebbe essere considerato un grave dolore neuropatico nella SFN. Tra le caratteristiche del dolore, il dolore lancinante di natura parossistica spontanea può essere più pronunciato nel contesto di fibre Aδ disfunzionali con fibre C autonome funzionali.


INTRODUZIONE

La neuropatia delle piccole fibre è una malattia del nervo periferico che colpisce selettivamente le fibre Aδ sottilmente mielinizzate e le fibre C non mielinizzate e si presenta comunemente con dolore neuropatico, disfunzione autonomica e ipoestesia a dolore e temperatura. I sintomi mostrano in genere un modello simmetrico dipendente dalla lunghezza che si sviluppa dalla parte distale del corpo. Molti pazienti riportano l'insorgenza graduale di sensazioni anormali nei piedi, come dolore bruciante, dolore simile a una scossa elettrica, sensazione di formicolio o sensazione di formicolio. È stata anche segnalata una distribuzione non dipendente dalla lunghezza con interessamento irregolare o prossimale. Possono verificarsi sintomi autonomi di gravità variabile tra cui sudorazione anomala, secchezza oculare, secchezza delle fauci, vertigini ortostatiche, diarrea, costipazione e / o disfunzione erettile. Sebbene siano state identificate diverse cause di SFN, l'eziologia non è nota nel 30-50% dei casi. Il diabete mellito che include intolleranza al glucosio, malattia autoimmune e canalopatia del sodio è noto siano le cause sottostanti più comuni di SFN.


La diagnosi clinica della SFN è difficile perché i segni clinici di danno a piccole fibre spesso non sono definiti. Inoltre, gli studi di conduzione nervosa di routine (NCS) non sono in grado di rilevare anomalie confinate alle piccole fibre. La diagnosi di SFN può essere supportata utilizzando test quantitativi sensoriali (QST) per valutare le soglie termiche e del dolore. Tuttavia, la visualizzazione e la quantificazione delle fibre nervose epidermiche nelle biopsie cutanee facilitano diagnosi più affidabili di SFN e il riconoscimento di SFN come entità clinica distinta. Il test quantitativo del riflesso assonale del sudomotore (QSART) potrebbe fornire ulteriori informazioni sulla disfunzione autonomica valutando la funzione del sudomotore colinergico simpatico postganglionico. In Corea, le biopsie cutanee vengono utilizzate per valutare le fibre nervose epidermiche negli studi di ricerca, ma il QST e il QSART vengono eseguiti solo in alcuni ospedali terziari. Sebbene incontriamo comunemente pazienti che si sospetta abbiano SFN, pochi studi clinici hanno studiato la SFN. Inoltre, i pazienti coreani riportano spesso una sensazione di freddo e disestesia fredda che in Coreano si chiama "Sirim". Tuttavia, questo sintomo non è ben caratterizzato e la sua fisiopatologia è attualmente sconosciuta. Non esiste un termine equivalente per "Sirim" in inglese, ma di solito si sovrappone a una sgradevole sensazione di freddo sgradevole e / o alta sensibilità al freddo sulla pelle e / o parti più profonde del corpo come ossa e articolazioni. Qui descriviamo anche il dolore "freddo" di Sirim come una sensazione "Sirim" che è sufficientemente grave da causare dolore e l'abbiamo aggiunto come uno dei sintomi associati alla SFN.


L'obiettivo del presente studio era identificare il profilo dei sintomi clinici, incluso il loro dolore "Sirim", i risultati dei test diagnostici di QST e QSART, possibili eziologie e qualità della vita (QOL) in pazienti con SFN clinicamente sospetta.



METODI

Questo studio prospettico è stato condotto tra marzo 2016 e marzo 2017 presso il Samsung Medical Center, che è il centro di riferimento terziario in Corea. Abbiamo definito SFN clinicamente sospetta come segue:

1) la presenza di almeno due sintomi sensoriali suggestivi di SFN, come dolore (ad es. Bruciore, tiro o formicolio), allodinia, sensazione termica inferiore, iperestesia o parestesia. lunghezza-dipendente;

2) risultati anomali in QSART o QST [soglia di rilevazione del freddo (CDT)];

3) risultati NCS normali; e / o 4) segni di danno a piccole fibre.

L'applicazione di questi criteri ha comportato l'arruolamento di 63 pazienti consecutivi con SFN clinicamente sospetta (Fig. 1). I criteri di esclusione erano :

1) il coinvolgimento di grandi fibre nervose o del sistema nervoso centrale negli esami neurologici, come indicato da debolezza muscolare, diminuzione della posizione / senso di vibrazione, diminuzione del riflesso del tendine profondo o segni dei motoneuroni superiori;

2) la presenza di cause ovvie, diverse dalla SFN, che spiegano i sintomi sensoriali;

3) l'incapacità di comprendere e / o firmare un modulo di consenso scritto; o

4) avere meno di 18 anni.


Gli NCS motori e sensoriali sono stati eseguiti utilizzando tecniche standard di stimolazione e registrazione della superficie con valori normali interni per misurare i nervi motori mediani, ulnari, peroneali e tibiali bilaterali e i nervi sensoriali mediani, ulnari e surali. Se necessario, è stato eseguito un EMG ad ago dei muscoli intrinseci del piede (abduttore dell'alluce e muscoli estensori digitorum brevis) per escludere la radicolopatia.


Abbiamo valutato SFN eseguendo QST e QSART. Il CDT e la soglia di rilevamento caldo (WDT) sono stati determinati dal QST su entrambi i lati della mano e del piede, che era più sintomatico usando il Computer Aided Sensory Evaluator-IV (WR Medical Electronics, Maplewood, MN, USA). Tuttavia, abbiamo adottato un CDT elevato come standard per l'anomalia con un valore di riferimento stabilito. Le funzioni postganglioniche dei sudomotori dell'avambraccio, della gamba prossimale, della gamba distale e del piede laterale con i sintomi peggiori sono state valutate da QSART utilizzando una macchina Q-Sweat (WR Medical Electronics). Alcuni dei pazienti hanno rifiutato di sottoporsi a QST (n = 6/63, 9,5%) o QSART (n = 7/63, 11%) a causa del costo personale per loro o per altri motivi personali.


I sintomi associati alla SFN sono stati valutati utilizzando il questionario ordinario per l'inventario dei sintomi della neuropatia delle piccole fibre a 13 elementi (SFN-SIQ) più un oggetto "Sirim" con il punteggio seguente:

0, mai presente;

1, a volte presente;

2, spesso presente;

3, sempre presente.


Il profilo del dolore è stato valutato utilizzando il questionario Neuropathic Pain Symptom Inventory (NPSI) più il dolore "Sirim". Ognuno di questi elementi è stato quantificato su una scala di valutazione numerica a 11 punti (NRS) compresa tra 0 e 10 per il dolore medio nelle ultime 24 ore. La dorsale bilaterale e gli impulsi tibiali posteriori sono stati palpati per escludere la malattia dell'arteria periferica. Inoltre, l'indice caviglia-brachiale e l'ecografia dei vasi periferici sono stati applicati a pazienti con sospetto clinico di insufficienza vascolare. Il QOL è stato valutato utilizzando il 36-item Health-Form Health Survey (SF-36), con punteggi che vanno da 0 a 100 e punteggi più alti che indicano un migliore QOL. Per l'analisi sono stati utilizzati due punteggi riassuntivi di SF-36: punteggio dei componenti fisici (PCS) e punteggio dei componenti mentali.


Per determinare l'eziologia della SFN, abbiamo ottenuto la storia medica passata e la storia sociale, compreso l'uso di droghe e alcol. Abbiamo eseguito esami del sangue tra cui emocromo completo, tasso di sedimentazione eritrocitaria, glucosio a digiuno, emoglobina glicosilata, profilo lipidico a digiuno (colesterolo e trigliceridi), test di funzionalità epatica, test di funzionalità renale, test di funzionalità tiroidea (ormone stimolante la tiroide, tiroxina libera e triiodotironina ), elettroliti (sodio, potassio e cloro), vitamina B12, acido folico, anticorpi antinucleari, anticorpi contro SSA / SSB e DNA a doppio filamento, fattore reumatoide, enzima di conversione dell'angiotensina, elettroforesi sierica delle proteine ​​e sierologie (epatite B e C) virus, HIV e rapido recupero del plasma). Ulteriori test di laboratorio (test di tolleranza al glucosio orale, immunofissazione sierica, α-galattosidasi e / o GLA per la malattia di Fabry e biopsia del grasso addominale per l'amiloidosi) sono stati aggiunti sulla base di sospetti clinici. Non sono stati eseguiti test genetici per le mutazioni del canale del sodio o del potassio. Questo studio è stato approvato dall'Institution Review Board del Samsung Medical Center (N. IRB 2015-10-158) e il consenso informato scritto è stato ottenuto da tutti i partecipanti.


Le correlazioni tra punteggi per sintomi correlati a SFN (voci SFN-SIQ e "Sirim") e sintomi di dolore neuropatico (voci NPSI e dolore "Sirim") sono state valutate utilizzando l'analisi di correlazione di Spearman. Una correlazione è stata considerata significativa per rho (ρ)> 0,3 e p <0,01 di Spearman. L'analisi della regressione logistica è stata eseguita per valutare i predittori di anomalie QST (CDT) o QSART dopo aver controllato l'età, il sesso e la durata della malattia. Ogni elemento NPSI o ogni elemento SFN-SIQ e il dolore "Sirim" sono stati inclusi come variabili indipendenti. L'analisi di regressione lineare multipla è stata utilizzata per valutare i fattori di rischio associati alla QOL. La presenza di possibile eziologia per SFN è stata aggiunta come variabile indipendente alle suddette variabili indipendenti. Le differenze di gruppo (pazienti con SFN idiopatica vs. non idiopatica) sono state analizzate utilizzando il test chi-quadro o il test esatto di Fisher per le variabili categoriali e utilizzando il test t di Student o il test U di Mann-Whitney per variabili continue. Tutte le analisi dei dati sono state eseguite con SPSS (versione 20.0, IBM Corp., Armonk, NY, USA) e software R, che è disponibile gratuitamente dal repository CRAN (https://cran.r-project.org/).


RISULTATI

Questo studio ha incluso 63 pazienti (30 femmine e 33 maschi) di età compresa tra 56 ± 11 anni (media ± DS) (Tabella 1). I risultati QST (CDT) e QSART erano anormali nel 71% (n = 45/57) e nel 62% (n = 39/56) dei pazienti, rispettivamente. La causa più comune era idiopatica e comprendeva il 65% (n = 41) dei pazienti. La causa più comune nota era il cattivo controllo glicemico (11%, n = 7), seguito da disfunzione tiroidea (6%, n = 4). In alcuni casi hanno contribuito anche disfunzione autoimmune, infezioni e consumo di alcol.


Profilo dei sintomi del dolore neuropatico

Ogni paziente ha riferito di aver provato dolore.

Tra le categorie dei sintomi del dolore, il sintomo più comune e più grave era il dolore 'Sirim' (punteggio NRS = 6,3 ± 3,5, l'84% dei pazienti aveva dolore 'Sirim' e il 59% di loro mostrava un punteggio NRS> 7 ) (Fig. 3),

seguito da sensazione di formicolio (4,3 ± 3,6),

dolore evocato dal freddo (3,8 ± 4,1),

dolore simile a una scarica elettrica (3,6 ± 3,3),

dolore bruciante (3,3 ± 3,6),

dolore da spremitura ( 2,9 ± 3,5)

e sensazione di formicolio (2,2 ± 2,9).

Tra i sintomi del dolore, solo la gravità del dolore "Sirim" era associata all'età (ρ = 0,316, p = 0,013): i pazienti con dolore "Sirim" più grave tendevano ad essere più anziani. Quando abbiamo diviso i pazienti in due gruppi usando un punteggio di cutoff del dolore di 4 su NRS, i pazienti con punteggi più alti del dolore (punteggio NRS ≥4, n = 47) erano più anziani (p = 0,012), avevano una durata della malattia più lunga (media = 52 mesi vs 22 mesi in pazienti con punteggi NRS <4, p = 0,008) e possibili cause di SFN (47% vs. 0%, p <0,001).


Correlazioni tra sintomo di SFN e misure del dolore

L'analisi di correlazione di Spearman ha rivelato correlazioni positive deboli (ρ = 0,3-0,5) tra i sintomi associati alla SFN (Fig. 4). Le frequenze dei sintomi autonomici e sensoriali tendevano ad essere correlate tra loro. Tuttavia, i piedi bruciati erano correlati solo con vampate di calore e intolleranza al lenzuolo, mentre "Sirim" non era correlato con altri sintomi.


La maggior parte degli articoli NPSI ha mostrato correlazioni significative tra loro. Le correlazioni erano più forti tra spremitura e dolore alla pressione (ρ = 0,492, p <0,001),

tra dolore lancinante e sensazione di formicolio (ρ = 0,559, p <0,0001)

e tra dolore evocato da pennello ed evocato dalla pressione ( ρ = 0,720, p <0,0001). Tuttavia, il dolore "Sirim" era correlato solo positivamente al dolore evocato dal freddo (ρ = 0,420, p <0,0001) e alla sensazione di formicolio (ρ = 0,248, p <0,0001).


QST e QSART

Cinquanta pazienti sono stati sottoposti a QST (CDT) e QSART, i cui risultati erano anomali nel 76% (n = 38) e 66% (n = 33), rispettivamente. In 38 pazienti con CDT anormale, un CDT elevato è stato riscontrato nel piede di 26 pazienti (68%), mentre 14 pazienti (su 26, 54%) avevano anche un CDT anormale nella mano. I risultati di QSART erano anormali nel piede in 24 pazienti (su 33 pazienti con un risultato anormale; 73%), mentre un modello di anomalia dipendente dalla lunghezza (risultati anormali di QSART solo nel piede; piede e gamba distale; e piede, distale gamba e avambraccio) sono stati trovati in 15 pazienti (45%). Disfunzione sudomotoria globale è stata riscontrata in 1 paziente (3%), mentre disfunzione sudomotoria regionale o irregolare è stata riscontrata in 17 pazienti (52%).


Abbiamo diviso i pazienti in tre gruppi in base ai risultati CDT e QSART:

1) risultati CDT anormali e QSART normali (n = 17),

2) risultati CDT normali e QSART anormali (n = 12)

e 3) risultati CDT e QSART anormali (n = 21) (Fig. 5).

Il dolore lancinante era più grave nel gruppo con solo CDT anormale (odds ratio = 2,23, IC 95% = 1,02–4,87, p = 0,045) rispetto al gruppo con CDT anormali e risultati QSART anormali nell'analisi della regressione logistica multipla multinomiale dopo controllando per età, sesso e durata della malattia. Non ci sono state differenze significative nei descrittori del dolore (NPSI e dolore "Sirim") tra il gruppo con solo risultati QSART anormali e il gruppo con entrambi i risultati CDT e QSART anormali.


Pazienti con SFN idiopatica e non epidemica

Le caratteristiche demografiche, la presenza di anomalie CDT o QSART e QOL (aspetti fisici e mentali) non differivano significativamente tra i pazienti con SFN idiopatica e non idiopatica (Tabella supplementare 1 nel Supplemento dati solo online). Tuttavia, i pazienti con SFN non idiopatica hanno manifestato ustioni ai piedi e "Sirim" più frequentemente (rispettivamente p = 0,011 e p = 0,003 non corretti) e dolore evocato da pennello più grave, sensazione di formicolio e dolore "Sirim" (p non corretto = 0,001, p = 0,023 e p = 0,004, rispettivamente).


Predittori di QOL

Nell'analisi di regressione lineare multipla, i sintomi delle gambe senza riposo (β = −7,077, p = 0,046) e il dolore evocato dalla pressione (β = −5,034, p = 0,016) erano predittori indipendenti degli aspetti fisici della QOL (R2 = 0,671). Tuttavia, non c'era un predittore significativo degli aspetti mentali della QOL nei pazienti. I risultati anormali di CDT o QSART o la presenza di probabile eziologia non sono stati associati a QOL in pazienti con SFN clinicamente sospetto.


DISCUSSIONE

La SFN ha ricevuto crescente attenzione negli ultimi anni. L'SFN è un disturbo relativamente comune che si presenta spesso con dolore neuropatico, in particolare bruciore o dolore acuto e disestesia che potrebbe essere difficile da controllare. Nel presente studio abbiamo scoperto che il dolore "Sirim" e "Sirim" erano i reclami più comuni e più gravi nei pazienti con SFN clinicamente sospetta. Poiché "Sirim" si riferisce a una sensazione di freddo in una parte del corpo che è abbastanza grave da far sentire freddo il paziente, le caratteristiche del dolore di "Sirim" sono strettamente correlate a quelle del dolore freddo.


Il dolore freddo è stato riconosciuto come uno dei sintomi associati alla SFN, ma la sua frequenza e il meccanismo rimangono poco chiari. Uno studio precedente su 67 pazienti con SFN pura (definito come quelli con CDT anormale e / o WDT e ridotta densità di fibre nervose intraepidermiche) ha riscontrato che solo 2 pazienti (3%) hanno descritto il loro dolore come freddo, mentre 18 pazienti (26,8%. ) ha riportato allodinia fredda. Tuttavia, "Sirim" è stato molto comune nel nostro studio (con 70,5%, 8,2%, 11,5% e 9,8% dei pazienti che lo descrivono come sempre, spesso, a volte e mai presente, rispettivamente) , mentre l'allodinia fredda (56%) è stata spesso accompagnata da "Sirim". Il riconoscimento del dolore freddo come sintomo comune della SFN nel nostro studio e le differenze di etnia rispetto allo studio precedente potrebbero spiegare tali differenze. SFN-SIQ non include dolore freddo. Tra i questionari di screening del dolore neuropatico, solo il Neuropathic Pain Questionnaire (NPQ) e Douleur Neuropathique (DN4) contengono un articolo che mette in discussione il dolore di natura fredda. Studi precedenti hanno suggerito che l'esperienza del dolore differisce tra i diversi gruppi etnici, con l'Africa Gli americani che mostrano tolleranze dolorose termiche e ischemiche inferiori rispetto ai bianchi non ispanici. Tuttavia, pochi studi hanno esaminato altri gruppi etnici, inclusi i coreani.


Il dolore freddo può derivare da una regolazione difettosa della microcircolazione cutanea. I nervi vasocostrittori adrenergici intatti e gli afferenti termicamente sensibili sono necessari per regolare il flusso sanguigno periferico in risposta al riscaldamento o al raffreddamento locale. La pelle ipotermica si trova spesso anche in pazienti con iperalgesia o allodinia fredda, o supersensibilità della denervazione simpatica o esagerazione del deflusso vasocostrittore simpatico il meccanismo potrebbe contribuire a ciò. Il nostro studio ha scoperto che il dolore freddo era più grave nei pazienti più anziani, che potrebbe essere in parte dovuto alla presenza di disfunzione vasomotoria cutanea. Inoltre, le fibre Aδ e C nocicettive disfunzionali possono causare una sensazione di raffreddamemento cutaneo anormale e dolore freddo / allodinia. Le caratteristiche dell'ipersensibilità al freddo differivano tra i pazienti, il che potrebbe riflettere diversi meccanismi neurofisiologici sottostanti. Un input afferente Aδ difettoso specifico per il freddo potrebbe disinibire i percorsi delle fibre nocicettive C-polimodali sensibili al freddo. Pertanto, il dolore paradosso della combustione potrebbe essere provocato da un raffreddamento innocuo. La sensibilizzazione periferica delle fibre Aδ o delle fibre C sensibili al freddo potrebbe anche causare ipersensibilità al freddo attraverso l'espressione o la funzione anormale dei canali del sodio, del potassio e del calcio. La frequenza e la gravità del dolore 'Sirim' e 'Sirim' non sono stati associati ai risultati CDT o QSART nel nostro studio.


In SFN, le fibre Aδ e C potrebbero essere influenzate in modo diverso durante il decorso della malattia e forse anche in base all'eziologia. Pertanto, potrebbero esistere diversi profili somatosensoriali individuali che riflettono i meccanismi fisiopatologici. Il nostro studio ha scoperto che un CDT anormale nella regolazione della normalità I risultati di QSART erano associati a dolore lancinante più grave di natura parossistica spontanea, mentre risultati di QSART anormali non erano associati a sintomi di dolore neuropatico. Poiché il dolore mediato dalla fibra Aδ è di solito descritto come dolore acuto di breve durata, le fibre Aδ disfunzionali - riflesse da una riduzione della CDT - potrebbero contribuire alla gravità del dolore lancinante. Gli studi condotti su pazienti con polineuropatia hanno trovato una correlazione positiva tra soglie termiche deteriorate e intensità del dolore. Tuttavia, la mancanza di rapporti sulla correlazione tra specifici sintomi del dolore neuropatico e singoli parametri QST significa che questi risultati devono essere confermati.


Abbiamo adottato QSART come uno degli strumenti diagnostici e il 24% dei pazienti è stato incluso perché i risultati di QSART erano anormali. QSART può avere ruoli complementari oltre a QST (CDT e WDT) e biopsia cutanea considerando i diversi principali substrati neurali del test. Le piccole fibre sono costituite da fibre Aδ sottili mielinizzate che trasmettono dolore acuto e impulsi freddi e fibre C non mielinizzate che trasmettono sensazioni di dolore lento come bruciore, sensazione di calore e informazioni autonome postgangliari. Pertanto, CDT, WDT e QSART possono valutare rispettivamente il funzionamento delle fibre Aδ, delle fibre C somatiche e delle fibre C autonome. Una biopsia cutanea rileva il numero di fibre nervose intraepidermiche, principalmente fibre C somatiche. Precedenti studi hanno scoperto che le valutazioni somatiche e autonome sono indipendenti nella diagnosi di SFN e hanno raccomandato di eseguire valutazioni simultanee. L'aggiunta di QSART ai criteri SFN esistenti che includono risultati clinici, QST e biopsia cutanea ha dimostrato di aumentare il rendimento diagnostico dal 38% al 66% .


Le probabili cause sottostanti non sono state trovate nella maggior parte (65%) dei pazienti in questo studio anche dopo aver effettuato approfondite indagini, ad eccezione dei test genetici per le mutazioni del canale del sodio. Tuttavia, i tassi di prevalenza delle cause idiopatiche nei pazienti con SFN sono risultati elevati (≥50%) anche in altri studi. Potrebbe essere necessario eseguire una valutazione longitudinale e un follow-up per identificare correttamente la causa nei singoli pazienti. I pazienti con una probabile eziologia tendevano a provare bruciore ai piedi e "Sirim" più frequentemente e più forte sensazione di formicolio, dolore evocato da pennello e dolore "Sirim" rispetto a quelli con cause non identificate. Tuttavia, non vi era alcuna differenza significativa nel loro QOL. Sintomi delle gambe senza riposo e dolore provocato dalla pressione erano associati a una riduzione degli aspetti fisici della QOL, spiegando circa il 67% dei punteggi fisici della QOL. Un altro studio ha scoperto che il cambiamento del modello di sudorazione, secchezza oculare e punteggio totale VAS erano predittori indipendenti della PCS nei pazienti con SFN, ma questi predittori hanno spiegato solo il 32% della riduzione della QOL.23


Questo studio é soggetto a diverse limitazioni. Innanzitutto, la densità delle fibre nervose intraepidermiche - che secondo quanto riferito ha la più alta sensibilità e specificità nella diagnosi di SFN - non è stata valutata. In secondo luogo, nella maggior parte dei pazienti non sono stati studiati i segni clinici che favoriscono la disfunzione delle piccole fibre, come puntura e perdita di sensibilità termica. In terzo luogo, nel lavoro di eziologia non sono stati eseguiti test genetici per le mutazioni del canale del sodio. Ulteriori studi sono garantiti per determinare le differenze di etnia nei sintomi della SFN incluso il dolore freddo e per identificare i tipi di compromissione delle piccole fibre nervose somatiche e autonome (ad es. Densità dei nervi o morfometria) associate a danni alle piccole fibre.


Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6785466/

149 visualizzazioni
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now