• Nicole

Sostanze Neurotrofiche: l'Acido Alfa-Lipico (R-ALA e ALA classico)

L'Acido Alfa Lipoico (ALA) è un acido grasso contenente zolfo, che viene naturalmente prodotto dal fegato e da altri tessuti del nostro organismo. Ha una potente azione antiossidante che aiuta a combattere lo stress ossidativo provocato dai radicali liberi (responsabili dell’invecchiamento e dei danni cellulari) sia all’esterno che all’interno della cellula nervosa.

favorisce la protezione del sistema nervoso e aiuta a contrastare le neuropatie come la nostra "amica" NPF.


Come abbiamo detto combatte i radicali liberi in ogni parte del neurone (ma anche delle altre cellule) ed è l’unico antiossidante a riuscire a farlo.

L'acido lipoico è in grado infatti di agire sia all’interno della cellula, in un ambiente acquoso come il citoplasma delle cellule (dove agiscono anche altri antiossidanti come la vitamina C, sia in un ambiente oleoso ovvero ricco di lipidi com’è la membrana dei neuroni e delle cellule, la cui integrità è fondamentale per la trasmissione degli impulsi nervosi;

in definitiva, l’acido alfa-lipoico può raggiungere tutti i compartimenti di una cellula proteggendola dentro e fuori .

Esso inoltre interviene nei processi legati allaproduzione di energia e anche questo è un aspetto molto importante, in quanto i radicali liberi attaccano, danneggiandole, anche le membrane dei mitocondri, piccoli organuli presenti all’interno delle cellule, che sono sede delle risorse energetiche e di autoriparazione del nervo.


L’acido alfa-lipoico, inoltre, può riciclare e rigenerare i naturali antiossidanti idrosolubili (come la vitamina C e il glutatione) e anche quelli liposolubili (come la vitamina E e il coenzima Q), amplificandone gli effetti.

in definitiva, ne protegge l’integrità e le mantiene più giovani a lungo e quindi più in grado di trasmettere in modo efficiente gli impulsi nervosi, indispensabili per la conduzione neuro-muscolare.

Alcuni studi hanno documentato che, somministrato per via orale o endovenosa a dosi si 600-1200 mg/die, l’ALA favorisce la riduzione dei sintomi della neuropatia diabetica (formicolio e intorpidimento alle gambe, dolori brucianti, senso di stordimento) nell’arco di 3-5 settimane di integrazione.


Altri studi hanno dimostrato che aumenta la sensibilità all’insulina (anche nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico) favorendo l’assorbimento del glucosio e un miglior controllo della glicemia. Favorisce anche una riduzione dei trigliceridi nel sangue.


È stata inoltre documentata la capacità dell’ALA di chelare metalli ovvero di catturare soprattutto rame e ferro che in alcune cellule porterebbero alla formazione di sostanze nocive.


Questa sua attività, lo rende utile anche nel miglioramento della performance sportiva (ottimizzando l’utilizzo dell’energia).


ulteriori studi hanno evidenziato un’azione ipotensiva ed antinfiammatoria che si sta ancora studiando.

L’acido alfa-lipoico è una sostanza in grado di migliorare la memoria e contrastare l’invecchiamento del cervello sempre grazie alla sua potente azione antiossidante.


I cibi ricchi di lipoico sono :

_carne rossa,

_frattaglie come :cuore, fegato, rene,

_verdure e cereali come spinaci, broccoli, pomodori, piselli, cavolini di Bruxelles, carote,patate,barbabietole,riso.

Forma S e Forma R


Marche famose di lipoico sono tiobec e l'assonal (quest'ultimo contiene anche acetil carnitina).

Questi due integratori pero' contengono entrambi l'acido alfa lipoico di tipo S , che non esiste in natura, ma viene prodotto in maniera chimica dall’uomo.

Il problema di questa forma è che viene assorbita pochissimo dall’intestino e dagli altri organi, ..la maggior parte viene scartata.

la piccola parte che viene assorbita è oltretutto poco attiva metabolicamente, quindi svolge in modo poco efficiente le varie funzioni che le spetterebbero.

La forma R invece, che si puo' trovare anc'essa in vendita senza grossi problemi ( la Doctor's Best è una delle migliori marche che la commercializza) è la forma naturale,

quella presente in natura negli alimenti, e prodotta naturalmente dall’organismo, È quindi facile capire che la forma R è quella più bio disponibile, cio' significa che viene assorbita in maniera migliore dall nostro intestino e dagli organi del nostro corpo.

soprattutto è quella più bio attiva delle 2 : svolge in modo molto più efficiente tutte le funzioni metaboliche che le competono.



STUDI SULL'ACIDO ALFA-LIPOICO:


– Fahmy Amara, Sherif Hafez, et al – Review of Diabetic Polyneuropathy: Pathogenesis, Diagnosis and Management According to the Consensus of Egyptian Experts. Curr Diabetes Rev 2019;15(4):340-345

– Swati Ahuja 1, Ankit Uniyal, et al – Alpha lipoic acid and metformin alleviates experimentally induced insulin resistance and cognitive deficit by modulation of TLR2 signalling. Pharmacol Rep 2019 Aug;71(4):614-623

– Fahimeh Haghighatdoost, Mitra Hariri – Does alpha-lipoic acid affect lipid profile? A meta-analysis and systematic review on randomized controlled trials. Eur J Pharmacol 2019 Mar 15;847:1-10

– Bahare Salehi, Yakup Berkay Yılmaz, et al – Insights on the Use of α-Lipoic Acid for Therapeutic Purposes. Biomolecules 2019 Aug 9;9(8):356

– V A Tutelyan, A A Makhova, et al – Lipoic acid: physiological role and prospects for clinical application. Vopr Pitan 2019;88(4):6-11

NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018. Scientific Program & Abstract Book

– Amato Nesbit S, Sharma R, et al – Non-pharmacologic treatments for symptoms of diabetic peripheral neuropathy: a systematic review. Curr Med Res Opin 2018 Aug 17:1-11

– Agathos E, Tentolouris A, et al – Effect of α-lipoic acid on symptoms and quality of life in patients with painful diabetic neuropathy. J Int Med Res 2018 May;46(5):1779-1790

Preventing Complications and Treating Symptoms of Diabetic Peripheral Neuropathy [Internet]. Editors: Dy SM, Bennett WL, Sharma R, et al. PubMed Health, 2017

– Várkonyi T, Körei A, et al – Advances in the management of diabetic neuropathy. Minerva Med 2017 Oct;108(5):419-437

– Perez-Matos MC, Morales-Alvarez MC, Mendivil CO – Lipids: A Suitable Therapeutic Target in Diabetic Neuropathy? J Diabetes Res 2017;2017:6943851

– Çakici N, Fakkel TM, et al – Systematic review of treatments for diabetic peripheral neuropathy. Diabet Med 2016 Nov;33(11):1466-1476

– Snyder MJ, Gibbs LM, Lindsay TJ – Treating Painful Diabetic Peripheral Neuropathy: An Update. Am Fam Physician 2016 Aug 1;94(3):227-34. Review.

– Rochette L, Ghibu S, Muresan A, Vergely C – Alpha-lipoic acid: molecular mechanisms and therapeutic potential in diabetes. Can J Physiol Pharmacol 2015 Dec;93(12):1021-7

– Saad Javed et al – Treatment of painful diabetic neuropathy. Ther Adv Chronic Dis 2015, Vol. 6(1) 15–28

– Evans JL, Bahng M – Non-pharmaceutical intervention options for type 2 diabetes: Diets and Dietary Supplements (Botanicals, Antioxidants, and Minerals). March 2014

– Derosa G et al – Dietary and nutraceutical approach to type 2 diabetes. Arch Med Sci 2014 May 12;10(2):336-44

– Papanas N, Ziegler D – Efficacy of α-lipoic acid in diabetic neuropathy. Expert Opin Pharmacother 2014 Dec;15(18):2721-31

– Smith JD, Clinard VB – Natural products for the management of type 2 diabetes mellitus and comorbid conditions. J Am Pharm Assoc (2003). 2014 Sep-Oct;54(5):e304-18; quiz e319-21

– Anna Gorąca et al – Lipoic acid – biological activity and therapeutic potential. Pharmacological Reports 2011, 63; 849-58

– Kate Petersen Shay et al – Alpha-lipoic acid as a dietary supplement: Molecular mechanisms and therapeutic potential. Biochim Biophys Acta 2009 October; 1790(10): 1149–1160

– Anna Bilska, Lidia Włodek – Lipoic acid – the drug of the future? Pharmacological Reports 2005, 57, 570-77

Atmaca G – Antioxidant Effects of Sulfur-Containing Amino Acids. Yonsei Medical Journal, 45, No 5, pp 776-88, 2004 Lo Staff di NPF e POTS Italia


32 visualizzazioni0 commenti