Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

L’autoimmunità può essere alla base del disordine doloroso da danno neurologico

Mercoledì 8 novembre 2017

Comunicato stampa Massachussetts General Hospital

Contatto con i media: Terri Ogan, togan@mgh.harvard.edu, 617 726-0954

http://www.massgeneral.org/about/pressrelease.aspx?id=2172

 

Titolo originale:

"Autoimmunity may underlie newly discovered painful nerve-damage disorder"

 

*Le infusioni di immunoglobuline migliorano il dolore e la funzione nel 75% dei pazienti che hanno una polineuropatia autoimmune delle piccole fibre*

 

Un'analisi delle cartelle cliniche dei pazienti trattati al Massachusetts General Hospital (MGH) per una condizione spesso misteriosa che coinvolge il danno delle piccole fibre nervose supporta l'ipotesi che alcuni casi siano causati da malattie autoimmuni e identifica anche la prima opzione di trattamento efficace. Questo rapporto su 55 pazienti con diagnosi di polineuropatia autoimmune delle piccole fibre (SFPN) trova che il trattamento con immunoglobulina per via endovenosa, usato per trattare altre condizioni autoimmuni e infiammatorie, ha fornito sollievo dai sintomi e migliorato la funzione nervosa per la maggior parte dei pazienti, permettendo ad alcuni di interrompere trattamento.

"Questa è una dimostrazione del fatto che lo smorzamento del sistema immunitario può essere sicuro ed efficace per trattare l'SFPN apparentemente autoimmune, una condizione che la maggior parte dei pazienti non sa nemmeno di avere", dice Anne Louise Oaklander, MD, PhD, direttore  dell'Unità nervosa nel Dipartimento di Neurologia di MGH  e autore senior di un articolo che riceve una pubblicazione online avanzata sui progressi terapeutici nei disturbi neurologici . "Questo è il primo trattamento che ha il potenziale per migliorare effettivamente il danno ai nervi, non solo per bloccare i sintomi con farmaci come gli oppiacei che non affrontano la sua causa".

SFPN comporta un danno esteso alle minuscole fibre nervose che trasportano segnali di dolore e controllano le funzioni interne come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la sudorazione. I pazienti spesso sviluppano dolore cronico, affaticamento, debolezza o svenimento in piedi, battito cardiaco accelerato o problemi gastrointestinali. Le cause più comuni di SFPN comprendono il diabete e il danno nervoso indotto dalla chemioterapia, ma questo studio ha esaminato dal 30 al 50% dei casi in cui non viene trovata alcuna causa quando vengono valutati per la prima volta, portando a una diagnosi di SFPN "idiopatica". Studi del gruppo di Oaklander e altri hanno suggerito che alcuni di questi pazienti hanno una condizione autoimmune non ancora scoperta

In uno studio del 2013 pubblicato su PediatricsIl team di Oaklander ha riportato la prima evidenza che SFPN colpisce comunemente bambini e adolescenti. Mentre questi giovani, in buona salute, non avevano alcuna spiegazione medica per la loro neuropatia, i ricercatori hanno notato che molti avevano storie personali o familiari di malattie autoimmuni o prove del test ematico di attivazione immunitaria / infiammatoria. Questa e altre prove hanno portato il team a proporre l'esistenza di SFPN apparentemente autoimmuni (aaSFPN), in cui il sistema immunitario attacca direttamente le piccole fibre nervose. Diversi altri tipi di danni ai nervi, tra cui la sindrome di Guillain-Barré, sono causati da un attacco autoimmune contro grandi fibre nervose e disturbi autoimmuni sistemici come l'artrite reumatoide e il lupus sono stati collegati a SFPN, dando una solida base all'ipotesi. 

Lo studio ha anche riportato che il trattamento con farmaci steroidi o immunoglobuline ha migliorato 12 dei 15 pazienti trattati. Gli steroidi sono stati trovati utili in pochi altri casi pubblicati, ma poiché il loro uso a lungo termine causa effetti collaterali avversi significativi, lo studio attuale si concentra sui risultati del trattamento con immunoglobulina per via endovenosa, un trattamento approvato dalla FDA per un'ampia varietà di disturbi immunitari e possono essere prescritti off-label per altre condizioni immunitarie.

Il team ha esaminato le cartelle cliniche per 55 pazienti che hanno soddisfatto i loro criteri per la diagnosi di SFPN, non ha avuto prove di cause non immuni e che sono stati trattati con MGH con immunoglobulina per via endovenosa alla dose iniziale di 2 grammi per chilogrammo di peso ogni quattro settimane. Tutti tranne quattro sono stati trattati per almeno tre mesi, gli altri hanno interrotto a causa di effetti collaterali. Il team ha studiato nove tipi di dati di follow-up, tutti risultati positivi - il 74% dei 51 pazienti ha valutato i loro sintomi come migliorati dopo il trattamento, così come il 77% dei loro medici. Per 8 pazienti, i sintomi sono migliorati così tanto che sono stati in grado di attenuarsi e alla fine interrompere tutto il trattamento.

"Questo studio è incredibilmente sorprendente", afferma Oaklander. "Sebbene non sia uno studio clinico controllato, è un paradigma che cambia perché il fatto che un trattamento immunomodulatorio sia efficace è la prova più forte finora che alcune persone hanno una causa autoimmune di SFPN che può essere migliorata. Questo documento offre non solo una nuova classe di trattamenti, ma anche un'ulteriore prova di una nuova scoperta della malattia. Mentre l'immunoterapia non è per tutti con SFPN, i pazienti con SFPN idiopatico dovrebbero essere sistematicamente sottoposti a screening per tutte le cause comuni, spingere i loro medici a identificare la loro causa specifica e discutere le opzioni di trattamento modificanti la malattia. Inviterò anche le compagnie di assicurazione, che sono riluttanti a coprire questo costoso trattamento, ad essere più disposte a prendere in considerazione la possibilità di coprire trial di tre mesi in pazienti adeguatamente diagnosticati ".

Un professore associato di Neurologia presso la Harvard Medical School, Oaklander sottolinea che questo case study retrospettivo "nel mondo reale" deve essere convalidato in uno studio clinico prospettico randomizzato, qualcosa che la sua squadra sta cercando di ottenere finanziamenti per condurre. Imparare di più sui meccanismi alla base di aaSFPN e sui risultati di monitoraggio di altri trattamenti dovrebbe portare a immunoterapie meno costose e più facili da gestire dell'immunoglobulina per via endovenosa. Nel frattempo, i pazienti con SFPN e i loro medici possono trovare ulteriori informazioni, tra cui un elenco di esami del sangue raccomandati, su https://NeuropathyCommons.org .

L'autore principale del documento Therapeutic Advances in Neurological Disorders è l'ex collega di Oaklander, Xiaolei Liu, MD, attualmente alla Shanxi Medical University in Cina. Altri co-autori sono Roi Treister, PhD e Magdalena Lang, MD, anch'essi ex ricercatori di MGH Neurology. Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health R01 NS093653 e dal Dipartimento della Difesa GW130109. 

Il Massachusetts General Hospital, fondato nel 1811, è l'ospedale didattico originale e più grande della Harvard Medical School. Il  MGH Research Instituteconduce il più grande programma di ricerca ospedaliero nella nazione, con un bilancio annuale di ricerca di oltre 900 milioni di dollari e importanti centri di ricerca in HIV / AIDS, ricerca cardiovascolare, cancro, biologia computazionale e integrativa, biologia cutanea, medicina genomica, imaging medico, disturbi neurodegenerativi, medicina rigenerativa, biologia riproduttiva, biologia dei sistemi, fotomedicina e biologia dei trapianti. Il MGH è stato in cima alla lista 2015 degli Organismi di assistenza sanitaria pubblicati su riviste scientifiche e ha ottenuto il prestigioso premio Foster G. McGaw per l'eccellenza nel servizio alla comunità. Nell'agosto 2017 la MGH è stata ancora una volta nominata al Honor Roll nella lista US News & World Report di "America's Best Hospitals".

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici