Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Presentazione clinica e gestione dei pazienti con sindrome da tachicardia ortostatica posturale iperadrenergica.

December 28, 2017

2011

 

Kanjwal K1, Saeed B, Karabin B, Kanjwal Y, Grubb BP.

Department of Medicine,University of Toledo Medical Center, Toledo, OH, USA.

 

Presentiamo la nostra esperienza al centro  di 27 pazienti con sindrome da tachicardia ortostatica posturale iperadrenergica (POTS).

In un'analisi retrospettiva, abbiamo esaminato i grafici di 300 pazienti POTS seguiti presso il nostro centro autonomo dal 2003 al 2010 e abbiamo trovato 27 pazienti eleggibili per l'inclusione in questo studio. POTS è stata definita come sintomi di intolleranza ortostatica (di durata superiore a sei mesi) accompagnata da un aumento della frequenza cardiaca di almeno 30 bpm (o una velocità superiore a 120 bpm) che si verifica nei primi 10 minuti di postura eretta o testa a testa test di inclinazione (HUTT) ​​che si verificano in assenza di altri disturbi debilitanti cronici. Ai pazienti è stata diagnosticata una forma iperadrenergica basata su un aumento della pressione arteriosa sistolica di ≥ 10 mm Hg durante l'HUTT (2) con concomitante tachicardia oi livelli sierici di catecolamina (livello di norepinefrina sierica ≥ 600 pg / mL) in piedi.


RISULTATI:

Ventisette pazienti, di età compresa tra 39 ± 11 anni, 24, (89%) di loro di sesso femminile e 22 (82%) di razza caucasica sono stati inclusi in questo studio. La maggior parte di questi pazienti era refrattaria alla maggior parte dei trattamenti di prima e seconda linea e tutti erano in combinazioni multiple di farmaci.


CONCLUSIONI:

Le POTS iperadrenergiche dovrebbero essere identificate e differenziate dalle POTS neuropatiche. Questi pazienti sono solitamente difficili da trattare e non ci sono protocolli di trattamento standardizzati noti in questo momento per i pazienti con POTS iperadrenergica.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici