Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Cure naturali-Vitamina D

January 18, 2018

Struttura Chimica
Con il termine vitamina D si intendono tutti i composti che presentano l'attività biologica del calciferolo e sono caratterizzati dall'essere dei derivati del ciclopentanoperidrofenantrene.

Il calciferolo (vitamina D3) è la forma naturalmente presente nei Mammiferi, mentre l'ergocalciferolo (vitamina D2) si forma in seguito all'esposizione alla luce ultravioletta dell'ergosterolo (forma provitaminica di origine vegetale).

Il calciferolo è 50-100 volte più attivo dell'ergocalciferolo (D3 è più attivo di D2).
Sia l'ergocalciferolo che il calciferolo sono forme inattive della vitamina D è pertanto necessaria un'attivazione che avviene nel fegato e nei reni.

L'uomo è in grado di sintetizzare il colecalciferolo a partire da un precursore, con funzione di provitamina: il deidrocolesterolo (derivato dal colesterolo per riduzione). Questa provitamina si trova nella pelle, in modo da assorbire l'energia radiante solare che provoca l'isomerizzazione a colecalciferolo (vedi sintesi cutanea di vitamina D). Un'adeguata esposizione al sole riduce quindi il fabbisogno di vitamina D.

 

Assorbimento

Il calciferolo viene assorbito a livello intestinale con le stesse modalità del lipidi: entra quindi a far parte delle micelle (che si formano per combinazione dei sali biliari con i prodotti derivanti dall'idrolisi dei lipidi), è assorbito per diffusione passiva negli enterociti e successivamente incorporato nei chilomicroni e trasportato in circolo attraverso i vasi linfatici mesenterici.

A differenza delle altre vitamine liposolubili il calciferolo non viene immagazzinato nel fegato. La quantità di calciferolo proveniente dagli alimenti è tuttavia molto bassa e la maggior parte di vitamina D viene sintetizzata a livello cutaneo per azione della luce ultravioletta

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/vitamina-d.html

 

Sintomi della carenza di vitamina D

In caso di carenza di vitamina D ci possiamo trovare alle prese con diversi tipi sintomi non sempre subito riconducibili a questo problema in quanto, nella maggior parte delle persone, risultano essere talmente lievi e sottili da non destare alcun campanello di allarme. Tra i sintomi più frequenti troviamo:

  • Dolori alle ossa e debolezza muscolare: questi sono sintomi che possono essere confusi con quelli di una banale influenza oltre che di un'altra lunga serie di problemi di salute. 

  • Osteoporosi: una carenza di vitamina D espone maggiormente al rischio di soffrire di osteoporosi

  • Problemi cardiaci:  a lungo andare anche il cuore potrebbe risentire di scarsi livelli di vitamina D nel corpo, ecco allora che ad una carenza di questa vitamina in alcuni casi si associano anche problemi cardiaci.

  • Asma nei bambini: i più piccoli, soprattutto se trascorrono molto tempo in casa, sono a rischio carenza e un sintomo che si può ricondurre ad una concentrazione non ottimale di questa vitamina nel sangue è la comparsa di asma.

  • Disturbi cognitivi: soprattutto gli anziani che spesso sono carenti di questa vitamina possono veder comparire problemi alla sfera cognitiva.

  • Disturbi psicologici ed emotivi: una carenza di vitamina D può portare alla comparsa di umore altalenante e tristezza immotivata

  • Sudorazione delle mani: quando  questo sintomo compare in maniera apparentemente inspiegabile spesso si associa proprio alla carenza di vitamina D, in quanto sarebbe uno dei campanelli d'allarme più frequenti di questo deficit.

Si consiglia di trascorrere il più possibile del tempo all'aria aperta (fondamentale un’esposizione di 30 minuti per almeno 3 volte a settimana facendo sì che il sole colpisca viso, braccia e gambe) ma anche mangiare cibi ricchi di calcio.

Tratto da https://www.greenme.it

__________________________________________________________________________

E' preferibile prediligere alimenti vegetali ,ricchi di calcio, piuttosto che latte animale e derivati: questi ultimi,infatti, hanno calcio scarsamente assimilabile da parte dell'essere umano, a causa della composizione del latte stesso, che puo' addirittura contribuire al processo di demineralizzazione dell'osso.

Nella nostra cultura occidentale,dove latte e derivati sono di uso quotidiano,l'incidenza di osteoporosi è altissima,mentre nei paesi orientali che non utilizzano questo alimento,è prossima allo 0.

 

LINK: 10 FONTI VEGETALI DI CALCIO

 

LINK:I PERICOLI DEI LATTICINI

 

 

Curiosità importantissime sulla vitamina D ,che non tutti sanno.

-La carenza di vitamina D è oggi universale. Si tratta di una vera e propria epidemia.

 

-La vitamina D non è assimilabile nelle varie parti del mondo e nei diversi periodi allo stesso modo.

 

-Nei paesi al di sopra del 35° parallelo,come l'Italia,la carenza colpisce numerosissimi individui.A queste latitudini i raggi UV sono meno intensi rispetto a zone piu' vicine all'equatore,e quindi si avrà una minore produzione di vitamina.

 

-In Italia,da  Novembre Fino a Marzo è inutile esporsi al sole per assimilare vit D,non è possibile produrla,per via dell'angolazione del sole e quindi la quantità di raggi UVB emessi.

-Alle basse altitudini le radiazioni ultraviolete sono assorbite dall'atmosfera e saranno quindi meno intense rispetto alle altitudini maggiori.

 

-Il momento piu' appropriato per produrre vit D è il lasso di tempo che va dalle 10 alle 14.

 

-L'inquinamento dell'aria puo'bloccare i raggi UVB, inibendo la possibilità di produzione della vitamina.

 

-Le creme solari ed i filtri non permettono alla pelle di assorbire i raggi UVB (e a volte anche gli UVA). Piu' il fattore di protezione è alto, e piu' sarete protetti dai raggi solari dannosi..ma anche da quelli che producono vitamina.

 

-Piu' si ha pelle scura ,meno vitamina D si produce (le persone scure di pelle hanno maggior rischio di presentare carenze. Anche la pelle di chi è già abbronzato impedisce ai raggi UVB di farci produrre vitamina.

 

-Le persone in sovrappeso hanno problemi a produrre vitamina a sufficienza. Essndo una sostanza liposolubile,le cellule adipose la assorbono,rendendola meno disponibile all'uso degli organi e tessuti.

 

-Gli abiti e qualsiasi altro schermo (come i vetri delle finestre) non permettono ai raggi UVB di venire a contatto con il corpo, impedendo l'assorbimento.

 

-Una donna di pelle bianca con braccia e gambe scoperte,avrebbe bisogno di circa 12 minuti di sole estivo di mezzogiorno per assorbire circa 3000UI di vitamina.

 

-Nota allarmante: sembra che stiamo per perdere la capacità di sintetizzare vit D anche se esposti al sole. Fatto verificato da alcuni medici statunitensi.

 

Informazioni tatte dal libro: "I poteri curativi della Vit D - di Soram Khalsa- Macro Edizioni".

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici