Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Ridotta densità delle fibre nervose intraepidermiche dopo un aumento sostenuto del glutammato insulare: uno studio proof-of-concept che esamina la patogenesi della patologia delle piccole fibre nella fibromialgia

February 6, 2018

Aprile 2017

articolo completo originale: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5741296/

 

INTRODUZIONE

La "neuroimaging" rivela un aumento del glutammato all'interno dell'insula dei pazienti con fibromialgia (FM), suggerendo un legame tra i sintomi di FM e l'aumento della neurotrasmissione centrale eccitatoria. Molti pazienti con FM presentano anche una diminuzione della densità delle fibre nervose intraepidermiche (IENFD), in linea con la patologia delle piccole fibre. Rimane sconosciuto, tuttavia, se una di queste scoperte meccanicistiche rappresenta una causa o una conseguenza dell'altro. Questo studio verifica l'ipotesi che uno squilibrio eccitatorio all'interno dell'insula porti a una patologia delle piccole fibre.

 

obiettivi:
Questo è uno studio proof-of-concept per esaminare se un aumento cronico bilaterale del glutammato insulare può essere un fattore causale nello sviluppo della neuropatia delle piccole fibre in FM.


metodi:
L'inibitore del trasporto del glutammato acido l-trans-pirrolidin-2,4-dicarbossilico (PDC), che aumenta i livelli endogeni di glutammato, è stato sciolto nella soluzione di Ringer e rilasciato a livello bilaterale nell'insula dei ratti per 6 settimane. Ratti  che non hanno subito alcun intervento chirurgico o trattamento e ratti somministrati soluzione di veicolo Ringer nell'insula servivano da controlli. La sensibilità nocicettiva multimodale è stata valutata settimanalmente. Le biopsie del tessuto della zampa posteriore sono state raccolte per la valutazione IENFD, alla fine dell'esperimento.


risultati:
Rispetto ai controlli, l'aumento del glutammato endogeno nell'insula con PDC ha causato una diminuzione sostenuta della soglia di sospensione meccanica della zampa  e una latenza termica di ritiro , una maggiore avversione alla stimolazione meccanica nociva e una diminuzione della IENFD(innervazione epidermica). La reattività al freddo non è stata alterata dall'amministrazione di PDC.


Conclusione:
La somministrazione bilaterale insulare di PDC ha prodotto un persistente aumento dei comportamenti dolorosi multimodali e una diminuzione delle fibre nervose periferiche nel ratto. Questi risultati preclinici offrono il supporto preliminare che l'iperattività insulare può essere un fattore casuale nello sviluppo di patologie delle piccole fibre in FM.

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici