Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Sulla sindrome da stanchezza cronica e categorie nosologiche

February 10, 2018

Febbraio 2018

https://link.springer.com/article/10.1007%2Fs10067-018-4009-2

 

(Estratto)

La sindrome da stanchezza cronica (CFS) è una malattia eterogenea che presenta affaticamento pronunciato invalidante, disturbi del sonno e compromissione cognitiva che influiscono negativamente sulla capacità funzionale dei pazienti. La CFS rimane un'entità mal definita e la sua eziologia è ancora in discussione. La CFS non è né una nuova diagnosi né una nuova condizione medica. Fin dal diciottesimo secolo, è stata osservata una costellazione di sintomi perplessi che assomigliava ai sintomi della CFS. Iniziando con la "febricula" e terminando con la CFS, sono stati proposti molti nomi per l'astenia neurocircolatoria, la poliomielite atipica, la malattia Royal Free, la sindrome da sforzo, la malattia di Akureyri, la malattia di Tapanui, la sindrome da virus di Epstein-Barr e l'encefalite mialgica. Ad oggi, non è chiaro se CFS ha una componente autoimmune o è una condizione che precede una malattia autoimmune in piena regola. La ricerca suggerisce che la CFS può sovrapporsi ad altre malattie tra cui la sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS), la sindrome autoimmune indotta da adiuvanti (ASIA) e la sindrome di Sjögren. Inoltre, è stato postulato che le prime manifestazioni di alcune malattie autoimmuni possono presentarsi con sintomi vaghi non specifici simili alla CFS. Talvolta, solo se esposti a uno stimolo secondario (ad es. Antigene) che potrebbe accelerare il decorso naturale della malattia, un individuo svilupperebbe la classica malattia autoimmune. A causa della somiglianza dei sintomi, è stato ipotizzato che la CFS potrebbe essere semplicemente una manifestazione precoce di una malattia autoimmune. Questo documento fornirà una revisione storica di questa malattia e una discussione sulla CFS come entità che si sovrappone a molte altre condizioni.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici