Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Fenomeno primario di Raynaud e neuropatia delle piccole fibre: esiste una connessione? Uno studio neurofisiologico pilota.

February 24, 2018

Maggio 2011

Articolo originale

 

I fattori patofisiologici del fenomeno primario di Raynaud (RP) sono sconosciuti. Prove preliminari da biopsia cutanea suggeriscono neuropatia delle piccole fibre (SFN) in RP primario. Abbiamo mirato a valutare quantitativamente SFN (densità delle fibre nervose) nei partecipanti con RP primario. Sono stati invitati a partecipare pazienti consecutivi con una diagnosi a priori di RP primaria che presentavano alla nostra clinica di reumatologia ambulatoriale per un periodo di 6 mesi. Sono stati esclusi i casi di RP secondario. A tutti i partecipanti è stato richiesto di avere risultati normali sulla microscopia capillare . La valutazione per SFN è stata effettuata con lo screening del riflesso autonomo, che comprende test del riflesso assonale sudomotorio quantitativo (QSART) e test funzionale cardiovagico e adrenergico, test del sudore termoregolatore (TST) e test sensoriale quantitativo (QST) per vibrazione, raffreddamento ,calore e soglie sensoriali del dolore. Nove partecipanti donne con un'età media di 38 anni (range 21-46 anni) e una durata media dei sintomi di 9 anni (range 5 mesi-31 anni) sono stati valutati. Tre partecipanti hanno presentato risultati anormali su QSART, indicando una disfunzione autonomica del sottodominio. Due partecipanti hanno evidenziato un coinvolgimento delle fibre grandi con soglie di dolore termico su QST. Le risposte della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa alla respirazione profonda, la manovra di Valsalva e l'inclinazione di 70 ° erano normali per tutti i partecipanti. Inoltre, tutti i partecipanti avevano risultati TST normali. In totale, tre dei nove partecipanti avevano prove di SFN. La presenza di SFN solleva la possibilità che un sottogruppo di pazienti con RP primario abbia una disfunzione sottoclastica di piccole fibre sottostanti. Questi dati aprono nuove strade alla ricerca e alla terapia per questa condizione comune.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici