Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Infiammazione del cervello scoperta per la prima volta in pazienti con fibromialgia

November 6, 2018

Molte persone con fibromialgia hanno sintomi di disfunzione autonoma. Questo studio rivela l'infiammazione cerebrale nella fibromialgia per la prima volta. Altri studi hanno riscontrato inoltre che la maggioranza dei pazienti fibro ha una neuropatia delle piccole fibre.

 

Ecco l'articolo:

 

La combinazione di due tecniche di imaging ha consentito ai ricercatori, per la prima volta, di visualizzare l'infiammazione diffusa, specificamente mediata da cellule gliali, nel cervello dei pazienti con fibromialgia (FM).

"Trovare cambiamenti neurochimici oggettivi nel cervello dei pazienti con fibromialgia dovrebbe aiutare a ridurre lo stigma persistente che molti pazienti affrontano, spesso viene loro detto che i loro sintomi sono immaginari e non c'è niente di alterato",

Marco Loggia, PhD, ricercatore presso il Massachusetts General Il Centro Martinos per l'imaging biomedico e l'autore del coproduzione dello studio, ha affermato in un comunicato stampa:

"Non abbiamo buone opzioni di trattamento per la fibromialgia, quindi identificare un potenziale obiettivo terapeutico potrebbe portare allo sviluppo di terapie innovative e più efficaci", ha affermato.

I risultati sono stati pubblicati nello studio "Attivazione gliale del cervello nella fibromialgia - Un'indagine su tomografia a emissione di positroni multi-sito", nella rivista Brain, Behavior and Immunity.

 

Nonostante le crescenti prove scientifiche suggeriscano che l'infiammazione nel cervello - neuroinfiammazione - abbia un ruolo nella fibromialgia, nessuno studio fino ad ora ne ha fornito una prova chiara e visibile nei pazienti con questa condizione.

Dati precedenti di Eva Kosek, MD, PhD, co-autore senior dello studio attuale, presso il Karolinska Institute in Svezia hanno dimostrato che i pazienti con fibromialgia avevano livelli aumentati di proteine ​​infiammatorie, cioè fractalkine e interleuchina-8, nel loro liquido cerebrospinale.

Nel 2015, il team di Loggia ha fotografato con successo la neuroinfiammazione - in particolare l'attivazione delle cellule gliali - nel cervello di pazienti con dolore cronico utilizzando un nuovo approccio di imaging - una combinazione di risonanza magnetica (MRI) e tomografia a emissione di positroni (PET), o MR / Scansione PET.

Le cellule gliali circondano le cellule nervose del sistema nervoso centrale (il cervello e il midollo spinale) e la loro funzione principale è quella di sostenere, proteggere e nutrire i neuroni. I tre tipi di cellule gliali che si trovano nel cervello sono microglia, astrociti e oligodendrociti.

MR / PET miscela i dettagli strutturali e funzionali dei tessuti che una risonanza magnetica fornisce con la sensibilità e la funzione metabolica fornite dalle scansioni PET.

Nello specifico, la scansione PET rileva la radiazione emessa da una sostanza iniettata in una persona, chiamata radiotracciante, che segue la sua distribuzione in tutto il corpo.

 

Il team di Loggia ha ipotizzato che i pazienti con fibromialgia possano anche aver attivato cellule gliali, provando a dimostrare di utilizzare la loro strategia PET per visualizzare 20 pazienti con fibromialgia e 16 volontari sani. Il radiotracciante che hanno usato si lega alla proteina traslocatore (TSPO), una proteina i cui livelli sono aumentati nella microglia attivata e negli astrociti.

Per coincidenza, un approccio simile è stato progettato dal laboratorio di Kosek presso il Karolinska Institute, dove sono stati arruolati 11 pazienti con fibromialgia per imaging, sei dei quali hanno ricevuto il tracciante PET TSPO-binding. Inoltre, hanno reclutato 11 individui sani come controlli che hanno ricevuto un tracciante PET che si lega preferenzialmente agli astrociti e non alla microglia.

I ricercatori di entrambi gli istituti hanno deciso di combinare i loro set di dati - in totale, hanno analizzato 31 pazienti con fibromialgia e 27 controlli sani.

Le analisi hanno rivelato che il cervello dei pazienti con fibromialgia mostra un'attivazione gliale significativamente maggiore rispetto ai controlli sani. Rispetto al cervello dei pazienti con dolore cronico, l'aumento di TSPO era più diffuso nei pazienti con fibromialgia. Questo può essere un indicatore dei sintomi più complessi di questi pazienti, secondo Loggia.

 

I pazienti con fibromialgia che hanno riportato livelli più elevati di affaticamento hanno mostrato livelli più elevati di TSPO in una struttura chiamata giro del cingolo, una regione del cervello collegata all'elaborazione emotiva. Questi risultati suggeriscono che "l'attivazione gliale in questa regione come un potenziale meccanismo alla base della fatica patologica", hanno scritto i ricercatori.

"L'attivazione delle cellule gliali che abbiamo osservato nei nostri studi rilascia mediatori infiammatori che sono pensati per sensibilizzare i percorsi del dolore e contribuire a sintomi come la fatica", ha detto Loggia, che è anche un assistente professore di radiologia presso la Harvard Medical School. "La capacità di unire le forze con i nostri colleghi di Karolinska è stata fantastica, perché combinare i nostri dati e vedere risultati simili in entrambi i siti dà fiducia all'affidabilità dei nostri risultati".

La scansione PET utilizzando il tracciante di legame astrocitario ha riscontrato piccole differenze tra i pazienti con fibromialgia e controlli sani, sostenendo l'idea che le microglia siano le cellule chiave dietro la neuroinfiammazione nei pazienti.

"Il nostro lavoro fornisce la prima evidenza in vivo che supporta un ruolo per l'attivazione gliale nella patofisiologia FM", hanno detto i ricercatori.

"Gli studi futuri dovranno testare se la modulazione gliale può essere una valida strategia terapeutica per la FM", hanno concluso.

 

fonte: fibromialgianewstoday

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici