Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

La pelle sensibile è un disordine neuropatico

July 16, 2019

La pelle sensibile è definita dal verificarsi di sensazioni spiacevoli come formicolio, bruciore, tensione, prurito o dolore. I meccanismi che spiegano la pelle sensibile sono controversi e sono state proposte molte ipotesi. Poiché la pelle sensibile è principalmente caratterizzata da un'ampia varietà di sintomi di tipo neuropatico, è altamente probabile che la disfunzione neurosensoriale nella pelle rappresenti uno dei meccanismi patologici della pelle sensibile. Questa ipotesi non esclude altre spiegazioni come il ruolo dei cheratinociti, i potenziali canali dei recettori transitori, la vascolarizzazione o fattori ambientali. Tuttavia, il ruolo del sistema nervoso nello sviluppo della pelle sensibile è cruciale, e la crescente evidenza supporta questa ipotesi. Il dolore e il prurito descritti dai pazienti con pelle sensibile corrispondono alla componente neuropatica e la sua valutazione mostra un aumento delle misure neuropatiche (DN-4, Douleur Neuropathique-4) rispetto al controllo. Queste sensazioni sono simili alle sensazioni osservate nella neuropatia a piccole fibre (SFN), che è un gruppo di disturbi che interessano le fibre nervose sottili. Uno studio sulla fisiopatologia della pelle sensibile ha dimostrato che la densità delle fibre nervose intraepidermiche, in particolare delle fibre C peptidergiche, era inferiore nel gruppo cutaneo sensibile. Uno studio recente ha mostrato una modifica nella soglia di rilevazione del dolore da calore in pazienti con pelle sensibile. Tutti questi risultati indicano che il danno della fibra C può aiutare a spiegare la pelle sensibile. Di conseguenza, il ruolo del sistema nervoso è sempre più ovvio. Tuttavia, i cheratinociti e altre cellule epidermiche partecipano strettamente alla trasduzione sensoriale. Pertanto, i risultati degli studi neurofisiologici dovrebbero essere interpretati alla luce di queste informazioni che l'intera epidermide rappresenta un enorme nocicettore polimodale. 

fonte:https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31242328

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici